CRESCE DELL’11% L’UTILE DI SNAM NEL 2017

Si chiuso positivamente il 2017 di Snam: il Consiglio di Amministrazione della società italiana, presieduto da Carlo Malacarne, ha infatti approvato il bilancio dell’ultimo esercizio, archiviato con un utile netto adjusted id 940 milioni di euro, in crescita dell’11,2% rispetto all’utile netto pro-forma adjusted del 2016, grazie anche ai minori oneri finanziari netti che beneficiano della riduzione del costo medio del debito.

In aumento anche i ricavi totali, a 2,44 miliardi di euro (+1,1% rispetto ai ricavi totali pro-forma adjusted del 2016, grazie ai continui investimenti e ai maggiori volumi di gas immesso), e l’utile operativo adjusted, pari a 1,36 miliardi di euro (+2,0% rispetto all’utile operativo pro-forma adjusted del 2016, grazie anche alla riduzione dei costi operativi che beneficiano delle azioni di efficienza avviate).

Nel corso del 2017 Snam ha effettuato investimenti tecnici per oltre 1 miliardo di euro, rispetto ai 900 milioni stanziati per il medesimo fine nel 2016, e ha generato un free cash flow di 423 milioni di euro.

A livello operativo, nello scorso esercizio la società di San Donato Milanese ha registrato una domanda di gas metano pari a 75,1 miliardi di metri cubi, il 6% in più rispetto all’anno precedente, e ha immesso nella rete di trasporto74,6 miliardi di metri cubi di gas (+5,6% rispetto al 2016), mentre la capacità di stoccaggio disponibile è stata pari a 12,2 miliardi di metri cubi.

Snam ha poi aggiornato le previsioni di investimento contenute nel piano industriale per il periodo 2017-2021: la strategia resta focalizzata principalmente sullo sviluppo delle infrastrutture italiane e sulla loro interconnessione con quelle europee, ma l’ammontare complessivo passa da 4,7 miliardi a 5,2 miliardi di euro, con un incremento del 10%.

“Il 2017 è stato un anno molto positivo per Snam” ha dichiarato il CEO della società Marco Alverà. “Un solido programma di investimenti e una rinnovata attenzione sull’essere azienda agile, innovativa ed efficiente, ci consentono di migliorare gli obiettivi del piano presentato lo scorso anno garantendo ritorni attrattivi ai nostri azionisti”.

 

Related posts