venerdì, Aprile 23, 2021

A SAIPEM LO SVILUPPO TECNOLOGICO DEI ROBOT SOTTOMARINI FLATFISH DI SHELL

Must read

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...

Sarà Saipem a sviluppare la tecnologia FlatFish di Shell, prototipo di veicolo sottomarino a controllo remoto.

La corporation petrolifera ha infatti affidato al contractor di San Donato Milanese la licenza per lo sviluppo di questa tecnologia robotica subsea, che dovrebbe essere pronte per la commercializzazione già nel 2020.

FlatFish è un veicolo sottomarino residente a controllo remoto in grado di eseguire ispezioni complesse per attività sul fondale marino. È stato precedentemente sviluppato da SENAI CIMATEC in partnership con DFKI per quattro anni, finanziato dal programma di ricerca e sviluppo ANP e EMBRAPII.

Grazie al contratto assegnato da Shell Brasil Petroleo, Saipem do Brasil perfezionerà ulteriormente le caratteristiche di FlatFish, grazie anche al supporto di SENAI CIMATEC, con funzionalità di ispezione di risers, raccolta dati da sensori sottomarini, monitoraggio in remoto dei sistemi di protezione catodica e con un flying-hanging garage per l’avvio e il recupero di FlatFish da piattaforme offshore, e anche per la sua ricarica e riprogrammazione sottomarina.

“L’impegno di Saipem per lo sviluppo tecnologico sostenibile si conferma – sottolinea una nota – con i progressi compiuti da parte dell’azienda nell’ambito della Subsea Robotics, grazie alla costante ricerca di soluzioni competitive ed efficienti che consentono di monitorare e mantenere i campi sottomarini in modo innovativo”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...

Petrobras cerca operatori internazionali per assegnare la gestione del terminal di rigassificazione Bahia LNG

Procede il processo avviato dalla corporation petrolifera statale brasiliana Petrobras per affidare la gestione del terminal di rigassificazione offshore Bahia LNG. La procedura, partita nella...