venerdì, Aprile 23, 2021

ConocoPhillips, piu’ volatilita’ con taglio investimenti

Must read

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

img1024-700_dettaglio2_ConocoPhillips

Houston, 21 apr. – Il taglio degli investimenti nel settore del petrolio comportera’ in futuro una persistente volatilita’ sul fronte delle quotazioni. Lo ha sottolineato l’amministratore delegato di ConocoPhillips, Ryan Lance, nel suo intervento alla Ihs-Cera Week, la settimana dell’energia che ogni anno richiama a Houston i principali leader del settore. Se le societa’ “percepiranno sagnali di ritorno di un prezzo alto – ha osservato Lance – allora aumentera’ la produzione esacerbando il problema, a seconda del livello della domanda”. Nei prossimi anni dobbiamo aspettarci “un mondo piu’ voltatile”, ha avvertito, e se il prezzo del greggio tornera’ a quota “80 o 90 dollari al barile, c’e’ un’altrettanta probabilita’ che poi torni anche a 50 o 60 dollari al barile”. Lance ha dunque escluso fusioniall’orizzonte per il gruppo da lui guidato. Molti esperti ritegono che l’accordo da 70 miliardi di dollari tra Shell e Bg, sia solo il primo di una serie di operazioni di consolidamento nel settore in questo contesto di basso livello dei prezzi del greggio. “Ma la scommessa e’ che il petrolio recuperi”, ha detto il Ceo della ConocoPhillips, indicando nell’alta valutazione dei titoli uno degli impedimenti ad operazioni di fusione ed acquisizione.
Durante un panel con la senatrice dell’Alaska Lisa Murkowski, la repubblicana che guida la commissione Energia del Senato americano, Lance ha ribadito la necessita’ di eliminare il bando sull’export di greggio Usa. “L’energia dovrebbe venire trattata a livello internazionale come ogni altro prodotto”, ha affermato Lance, segnalando che le raffinerie non sono in grado di gestire tutto il petrolio prodotto dallo shale e che quindi andrebbe spedito sui mercati internazionali. (AGI) .

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...