venerdì, Aprile 23, 2021

GHANA: ENI AVVIA ANCHE LA PRODUZIONE DI GAS A CAPE THREE POINTS

Must read

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

A circa un anno di distanza dall’avvio della produzione di petrolio, l’Eni ha iniziato a produrre anche gas nel giacimento di Sankofa, nell’ambito del progetto Cape Three Points (OCTP) in Ghana.

Il sito sarà in grado di fornire 5 milioni di metri cubi di gas al giorno per i prossimi 15 anni, una quantità sufficiente – spiega la corporation italiana in una nota – per convertire a gas almeno metà della produzione di energie dell’intero Paese africano.

La produzione di gas è iniziata da 2 dei 4 pozzi in acque profonde collegati alla FPSO John Agyekum Kufuor e, dopo il completamento delle operazioni di commissioning delle strutture offshore, il flusso di gas passerà attraverso una condotta dedicata, lunga 60 Km, per giungere alla Onshore Receiving Facility (ORF) ubicata a Sanzule, dove il gas sarà compresso e immesso nella rete nazionale del Ghana.

Il progetto OTCP, sostenuto dalla Banaca Mondiale, è il primo nell’ambito dell’Africa Sub-sahariana dedicato esclusivamente a soddisfare la domanda interna del Paese in cui si trova, che grazie ad esso potrà ridurre drasticamente la produzione di energia da petrolio a favore di quella originata dal gas, con conseguente riduzione dell’impatto ambientale.

“OTCP combina la creazione di valore con la sostenibilità” ha dichiarato Claudio Descalzi, CEO dell’Eni. “Questo progetto contribuirà alla stabilità energetica del Ghana, che è un pre-requisito fondamentale per la crescita economica e industriale del Paese, aiutando contemporaneamente a ridurre le emissioni dannose. E’ un segno evidente del nostro impegno a favore di uno sviluppo sostenibile e di partnership a lungo termine con i Paesi ospitanti, dove possiamo crescere solo se cresciamo insieme”.

Eni è presente in Ghana fin dal 2009 attraverso la sua controllata Eni Ghana, ed è operatore del progetto OCTP (Eni 44,44%; Vitol 35,56%; GNPC 20%), che è stato avviato in anticipo rispetto ai tempi previsti e, sommando greggio e gas, arriverà ad un output complessivo di 85.000 barili di olio equivalente al giorno

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...