venerdì, Marzo 5, 2021

LA MESSICANA PEMEX ANNUNCIA UN PIANO PER POTENZIARE LA SUA CAPACITA’ DI RAFFINAZIONE

Must read

L’OPEC+ orientato a non aumentare (ancora) l’output petrolifero, e il prezzo del barile sale

Il prezzo del barile di petrolio è salito oggi (Brent +1,5% e WTI + 1,7%), sospinto dalla notizia che nel corso del prossimo meeting,...

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Il direttore generale di Petróleos Mexicanos (PEMEX) Octavio Romero Oropeza, ha presentato il progetto per la costruzione di un nuovo impianto di raffinazione con una capacità di 200 mila barili al giorno (Mbd) di petrolio leggero. L’obiettivo è quello di aumentare la produzione di carburanti come GPL, benzina, jet fuel, diesel, olio combustibile e altri prodotti petrolchimici.

Con questo progetto, PEMEX eviterà l’importazione di 25 Mbd di nafta e aumenterà la raffinazione di greggio leggero nel sistema di raffinazione nazionale, generando prodotti con un valore aggiunto più elevato.

Questo nuovo investimento si rende necessario oggi poiché nel 1998, a seguito della diminuzione della produzione di petrolio leggero, Pemex aveva modificato l’assetto dei suoi impianti petrolchimici, riducendo anche l’attività logistica per l’esportazione attraverso il terminal marittimo di Pajaritos.

Nel 2009, considerando la riduzione della disponibilità di greggio, è stato deciso di mettere fuori servizio l’impianto di stabilizzazione del greggio e importare nafta, causando il deterioramento della redditività del complesso industriale.

Ad oggi, il treno dedicato alla produzione dei prodotti aromatici continua a funzionare con nafta importata e una piccola frazione di benzina naturale, che nel loro assieme continuano a generare un basso rendimento economico e le strutture sono sottoutilizzate.

Per questo motivo l’attuale amministrazione di Pemex, mediante il piano di sviluppo nazionale elaborato dal direttore Romero Oropeza, vuole dare una nuova dimensione a questo importante progetto, con l’obiettivo di integrarlo ad altri progetti strategici con i quali il Paese potenzierà la propria struttura produttiva.

Il CEO di PEMEX ha sottolineato che nelle prossime settimane verranno presentati gli importi degli investimenti, i tempi di costruzione e gli indicatori di redditività, oltre la conferma della sua fattibilità basata sulle proiezioni della disponibilità dei volumi di greggio leggero necessari a sostenere questo ambizioso progetto industriale.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

L’OPEC+ orientato a non aumentare (ancora) l’output petrolifero, e il prezzo del barile sale

Il prezzo del barile di petrolio è salito oggi (Brent +1,5% e WTI + 1,7%), sospinto dalla notizia che nel corso del prossimo meeting,...

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...