giovedì, Maggio 13, 2021

L’ENI OTTIENE 3 NUOVE LICENZE OFFSHORE IN MESSICO

Must read

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

L’Eni consolida la propria presenza nell’offshore del Golfo del Messico, ottenendo tre nuove licenze di esplorazione per altrettanti blocchi.

Nei giorni scorsi il governo del paese centroamericano ha infatti messo all’asta 15 diverse concessioni per altrettante aree di esplorazione situate al largo delle coste nazionali in acque poco profonde, 3 delle quali sono state vinte da Eni, da sola o in partnership con altri operatori.

La corporation italiana si è aggiudicata, tramite la controllata Eni Mexico, in joint-venture con Capricorn Energy e Citla Energy, l’area 7, mentre in autonomia ha vinto l’asta per l’area 10 e insieme di nuovo a Citla quella per l’area 14.

Eni è invece arrivata seconda, non riuscendo quindi ad ottenere le licenze, nelle gare per le aree 2 (insieme alla russa Lukoil) e 9. Sono infine andate deserte le aste relative alle licenze delle aree 1, 3, 4, 5 e 13.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Perù: riprende la produzione di petrolio nella zona settentrionale

Il Blocco 67, situato nella località di Loreto, ha ripreso le sue attività dopo un anno di paralisi a causa dei bassi prezzi del...