martedì, Maggio 17, 2022

Venezuela. PDVSA ha perso 2.000 camion cisterna in due anni

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Petróleos de Venezuela (PDVSA) non pubblica i suoi rapporti di gestione e informazioni finanziarie dal 2016, ma in via ufficiosa sono stati diffusi alcuni dati del cosiddetto “Rapporto del Commissario” che indicano un livello minimo di produzione nelle raffinerie di 91.800 e 25.000 barili al giorno di benzina e diesel, rispettivamente e un calo del 48% nella distribuzione del carburante confrontando il volume di 120.200 barili al giorno nel 2020 contro i 225.000 barili al giorno del 2019.

Dal numero del rapporto emerge anche che l’Azienda Nazionale Trasporti, controllata da PDVSA, visto che ha il monopolio dell’approvvigionamento nelle stazioni di servizio, aveva in inventario 2.800 veicoli per la distribuzione di carburanti nel 2018, nel 2019 si è registrata una riduzione del 36% e per il 2020 è proseguita la stessa tendenza al ribasso perché ha operato solo con il 30% delle unità che operavano due anni prima, vale a dire solo 800 unità, mentre circa 2000 camion sono rimasti paralizzati durante questo lasso di tempo.

Il problema è dovuto all’obsolescenza dei veicoli, alla mancanza di pezzi di ricambio e alla mancanza di officine e personale qualificato.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...