GASPARINI FORGE ALLA IVS 2015, Bergamo

Gasparini Forge è un’azienda giovane ma con solide tradizioni, dinamica e gestita direttamente dalla proprietà. La struttura organizzativa snella permette un elevato dinamismo nella risposta alle esigenze qualitative ed il rispetto dei tempi di consegna è un nostro motivo di orgoglio. Una pressa oleodinamica da 3300 t, una pressa idraulica da 1500 t, una pressa idraulica da 500t ed un laminatoio per anelli fino a 3 metri di diametro e 700 mm di altezza, consentono di produrre forgiati a disegno in acciai al carbonio, basso e medio legati, inossidabili martensitici, inossidabili austenitici, duplex e superduplex. Il reparto macchine utensili, con torni paralleli, torni verticali, frese ed alesatrici, ci permette di fornire prodotti fucinati e/o laminati, sagomati in accordo alle misure e alle tolleranze richieste dal cliente. La nostra produzione comprende componenti di impianti siderurgici, componenti per valvole settore Oil & Gas e Nucleare, componenti per grossi organi di trasmissione, componenti per impianti in pressione, componenti per macchine industriali e per il settore energia. Il reparto trattamenti termici è in grado di soddisfare la totalità della produzione con lunghezza massima trattabile di 8000 mm e peso fino a 30 t. Nelle vasche con acqua e acqua-quench di dimensioni 3000x3000x4000 è possibile eseguire anche la tempra in verticale fino a 3000 mm. Il reparto controllo qualità e collaudo è in costante sviluppo, con continuo incremento di risorse umane ed investimenti in attrezzature e qualifiche aziendali. Il nostro personale, qualificato secondo le normative internazionali in vigore, esegue regolarmente controlli dimensionali e non distruttivi su tutti i nostri prodotti. Il laboratorio interno è in grado di effettuare i collaudi secondo i più diffusi standard internazionali e su standard specifici del cliente, inoltre è organizzato per l’esecuzione di prove con la presenza dei più diffusi enti di controllo. La materia prima in ingresso è regolarmente controllata ed è possibile verificarne l’analisi chimica mediante spettrometro

pag1

Related posts