giovedì, Maggio 13, 2021

AL VIA LA PRODUZIONE DEL GIACIMENTO EGIZIANO ZOHR, SCOPERTO E OPERATO DALL’ENI

Must read

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

A poco più di due anni dalla sua scoperta, avvenuta nell’estate 2015, il giacimento egiziano Zohr ha avviato formalmente la produzione di gas.

Si stima che il giacimento, scoperto e operato dall’Eni (Rosneft detiene il 30% delle quote e BP il 10%), sia il più grande mai rinvenuto in Mar Mediterraneo e abbia riserve totali pari a oltre 850 miliardi di metri cubi, che consentirebbero all’Egitto di raggiungere la tanto agognata indipendenza in team di gas naturale, ed eventualmente anche di tornare sul mercato come paese esportatore.

Nei giorni scorsi – come ha annunciato in una nota, ripresa da diverse agenzia stampa internazionali, il Ministro egiziano del petrolio e dell’energia Tarek El-Molla – è stato pompato il ‘first gas’ dal giacimento fino agli impianti di terra a Port Said, dove il prodotto viene lavorato prima di essere immesso nella rete nazionale del gas. Attualmente la produzione si aggira attorno ai 10 milioni di metri cubi al giorno, ma dovrebbe raggiungere i 28,3 milioni di metri cubi giornalieri già entro giungo 2018, per attestarsi a pineo regime attorno ai 76,4 milioni di metri cubi al giorno, entro la fine del 2019.

Negli obbiettivi del Governo de Il Cairo, l’attività di Zohr dovrebbe consentire di saturare la domanda interna di gas, rendendo finalmente l’Egitto un paese indipendente da questo punto di vista e ponendo fine al costoso import di GNL, effettuato tramite tender pubblici vinti in passato da grandi trader internazionali come Glencore e Trafigura e particolarmente gravoso per le casse dello Stato, che dal 2011 dispone di scarse riserve di valuta estera.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Perù: riprende la produzione di petrolio nella zona settentrionale

Il Blocco 67, situato nella località di Loreto, ha ripreso le sue attività dopo un anno di paralisi a causa dei bassi prezzi del...