martedì, Settembre 28, 2021

AL VIA LA PRODUZIONE DEL GIACIMENTO EGIZIANO ZOHR, SCOPERTO E OPERATO DALL’ENI

Must read

Exxon pagherà 340.000 euro per gli audit del progetto Payara

In base alla licenza di produzione del campo di Payara, Esso Exploration de Petróleo e Production Guyana Limited pagheranno alla Guyana 340.000 euro all'anno...

PDVSA autorizza l’importazione di sei milioni di litri di gasolio dalla Colombia

Un anno e mezzo fa la Camera petrolifera del Venezuela aveva chiesto l'importazione di combustibili dalla Colombia, ma la richiesta ha trovato molti ostacoli,...

ConocoPhillips acquisterà l’asset di Shell Permian per 8 miliardi di euro

La compagnia ConocoPhillips ha acquistato le attività nel bacino del Permiano di Royal Dutch Shell per un valore di 8 miliardi di euro, consolidando...

Perù. Petrotal annuncia una produzione record di 15.000 barili al giorno

La società statunitense Petrotal che gestisce il Blocco 95 in provincia peruviana di Loreto ha annunciato di aver raggiunto un record di produzione nel...

A poco più di due anni dalla sua scoperta, avvenuta nell’estate 2015, il giacimento egiziano Zohr ha avviato formalmente la produzione di gas.

Si stima che il giacimento, scoperto e operato dall’Eni (Rosneft detiene il 30% delle quote e BP il 10%), sia il più grande mai rinvenuto in Mar Mediterraneo e abbia riserve totali pari a oltre 850 miliardi di metri cubi, che consentirebbero all’Egitto di raggiungere la tanto agognata indipendenza in team di gas naturale, ed eventualmente anche di tornare sul mercato come paese esportatore.

Nei giorni scorsi – come ha annunciato in una nota, ripresa da diverse agenzia stampa internazionali, il Ministro egiziano del petrolio e dell’energia Tarek El-Molla – è stato pompato il ‘first gas’ dal giacimento fino agli impianti di terra a Port Said, dove il prodotto viene lavorato prima di essere immesso nella rete nazionale del gas. Attualmente la produzione si aggira attorno ai 10 milioni di metri cubi al giorno, ma dovrebbe raggiungere i 28,3 milioni di metri cubi giornalieri già entro giungo 2018, per attestarsi a pineo regime attorno ai 76,4 milioni di metri cubi al giorno, entro la fine del 2019.

Negli obbiettivi del Governo de Il Cairo, l’attività di Zohr dovrebbe consentire di saturare la domanda interna di gas, rendendo finalmente l’Egitto un paese indipendente da questo punto di vista e ponendo fine al costoso import di GNL, effettuato tramite tender pubblici vinti in passato da grandi trader internazionali come Glencore e Trafigura e particolarmente gravoso per le casse dello Stato, che dal 2011 dispone di scarse riserve di valuta estera.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Exxon pagherà 340.000 euro per gli audit del progetto Payara

In base alla licenza di produzione del campo di Payara, Esso Exploration de Petróleo e Production Guyana Limited pagheranno alla Guyana 340.000 euro all'anno...

PDVSA autorizza l’importazione di sei milioni di litri di gasolio dalla Colombia

Un anno e mezzo fa la Camera petrolifera del Venezuela aveva chiesto l'importazione di combustibili dalla Colombia, ma la richiesta ha trovato molti ostacoli,...

ConocoPhillips acquisterà l’asset di Shell Permian per 8 miliardi di euro

La compagnia ConocoPhillips ha acquistato le attività nel bacino del Permiano di Royal Dutch Shell per un valore di 8 miliardi di euro, consolidando...

Perù. Petrotal annuncia una produzione record di 15.000 barili al giorno

La società statunitense Petrotal che gestisce il Blocco 95 in provincia peruviana di Loreto ha annunciato di aver raggiunto un record di produzione nel...

Il Parlamento apre un’inchiesta sui contratti di fornitura di Petroecuador

Petroecuador ha riferito alla stampa che per soddisfare la richiesta del presidente della Commissione di Vigilanza dell'Assemblea Nazionale sulle operazioni della gestione del commercio...