venerdì, Maggio 20, 2022

APRE I BATTENTI OGGI A RAVENNA L’EDIZIONE 2019 DELL’OMC

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Apre i battenti questa mattina, al Pala De André di Ravenna, l’edizione 2019 dell’Offshore Mediterranan Conference, evento biennale che chiama a raccolta nella città romagnola – capitale italiana dell’offshore – operatori e stakeholders dell’industria oil&gas da tutto il mondo.

Quest’anno la kermesse è dedicata al tema “Expanding Mediterranean Energy Sector: Fuelling Regional growth”, e gli organizzatori prevedono un afflusso di visitatori che potrebbe raggiungere le 24.000 unità: se così fosse, si tratterebbe di un record assoluto per l’OMC.

La giornata di oggi si apre con l’intervento di Giancarlo Giorgetti, Segretario di Stato alla Presidenza del Consiglio, per proseguire con la main conference e i diversi seminari tecnici, mentre nell’area espositiva trovano posto gli stand di oltre 600 aziende del settore provenienti da 33 diversi Paesi.

Quest’anno a Ravenna, oltre a top manager dell’industria (tra cui Claudio Descalzi, CEO dell’Eni, Marc Benayoun, CEO di Edison, e Stefano Cao, CEO di Saipem) e rappresentanti istituzionali di alto profilo (come Tarek El Molla, Ministro del Petrolio dell’Egitto), è attesa anche una folta delegazione del Kazakistan, che parteciperà nel pomeriggio di oggi al workshop “Internationalization and Local Content 2.0” organizzato nella sede ravennate di Confindustria Romagna, in collaborazione con Assomineraria ed Eni.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...