mercoledì, Aprile 21, 2021

APRE I BATTENTI OGGI A RAVENNA L’EDIZIONE 2019 DELL’OMC

Must read

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...

Petrobras cerca operatori internazionali per assegnare la gestione del terminal di rigassificazione Bahia LNG

Procede il processo avviato dalla corporation petrolifera statale brasiliana Petrobras per affidare la gestione del terminal di rigassificazione offshore Bahia LNG. La procedura, partita nella...

Apre i battenti questa mattina, al Pala De André di Ravenna, l’edizione 2019 dell’Offshore Mediterranan Conference, evento biennale che chiama a raccolta nella città romagnola – capitale italiana dell’offshore – operatori e stakeholders dell’industria oil&gas da tutto il mondo.

Quest’anno la kermesse è dedicata al tema “Expanding Mediterranean Energy Sector: Fuelling Regional growth”, e gli organizzatori prevedono un afflusso di visitatori che potrebbe raggiungere le 24.000 unità: se così fosse, si tratterebbe di un record assoluto per l’OMC.

La giornata di oggi si apre con l’intervento di Giancarlo Giorgetti, Segretario di Stato alla Presidenza del Consiglio, per proseguire con la main conference e i diversi seminari tecnici, mentre nell’area espositiva trovano posto gli stand di oltre 600 aziende del settore provenienti da 33 diversi Paesi.

Quest’anno a Ravenna, oltre a top manager dell’industria (tra cui Claudio Descalzi, CEO dell’Eni, Marc Benayoun, CEO di Edison, e Stefano Cao, CEO di Saipem) e rappresentanti istituzionali di alto profilo (come Tarek El Molla, Ministro del Petrolio dell’Egitto), è attesa anche una folta delegazione del Kazakistan, che parteciperà nel pomeriggio di oggi al workshop “Internationalization and Local Content 2.0” organizzato nella sede ravennate di Confindustria Romagna, in collaborazione con Assomineraria ed Eni.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...

Petrobras cerca operatori internazionali per assegnare la gestione del terminal di rigassificazione Bahia LNG

Procede il processo avviato dalla corporation petrolifera statale brasiliana Petrobras per affidare la gestione del terminal di rigassificazione offshore Bahia LNG. La procedura, partita nella...

PAROLE DI SCIENZA (a cura di Roberto Vacca) Il degrado culturale corrompe il nostro pensare

Se eri considerato una persona colta vari decenni fa , e anche se hai provato ad aggiornarti, ti senti come lo scemo del villaggio...