domenica, Maggio 19, 2024

Chevron acquisisce un’altra società petrolifera. E le compagnie americane fanno paura

Must read

Fabio Belli è vicepresidente esecutivo e COO di Kerry Project Logistics

Nuovo incarico di assoluto prestigio per Fabio Belli, dopo la conclusione dell’esperienza in Fagioli come CEO della società. L’approdo di oggi è in Kerry Project Logistics...

Scambio di asset tra Equinor e Petoro

Equinor e Petoro, società interamente controllata dal governo norvegese, hanno stipulato un accordo per lo scambio di asset a valore neutro nell'area di Haltenbanken. “Abbiamo...

Rosetti Marino ottiene un contratto FEED da INEOS E&P

L'azienda ravennate Rosetti Marino, che si occupa di fornire servizi di ingegneria e costruzione a vari settori industriali, si è aggiudicata dalla danese INEOS...

BP concede una boccata d’aria ai bilanci azeri

BP, colosso petrolifero britannico, ha annunciato di aver avviato la produzione di petrolio e gas nella nuova piattaforma petrolifera costruita nel giacimento Azeri-Chirag-Deepwater Gunashli...

Il colosso petrolifero americano Chevron ha acquisito, tramite un concambio azionario, la società Hess Corporation per un valore di 53 miliardi di dollari.

Questa terza, grossa, operazione da parte di Chevron dopo gli acquisti di PDC Energy e Noble Energy, garantisce alla società americana una produzione totale di circa 3,7 miliardi di barili di petrolio al giorno, ovvero circa il 4% del fabbisogno mondiale. Di questi, 1,3 miliardi derviano ddal petrolio scisto, ovvero quello ottenuto da particelle di scisto bituminoso.

L’acquisizione è arrivata, probabilmente, anche a causa della recente scoperta di un nuovo blocco da sfruttare nel giacimento petrolifero di Stabroek, in Guyana, da parte di Exxon Molil, di cui Hess possedeva una partecipazione del 30% e che garantirà ai due colossi delle cifre da capogiro in termini di guadagno. Ciò permetterà a Chevron di disfarsi di altre attività e utilizzare gli utili ricavati per iniziare un nuovo ciclo di investimenti.

Ciò che rende le compagnie petrolifere statunitensi così grandi rispetto a quelle europee è il target degli investimenti: infatti, mentre in Europa si sta puntando tutto (o quasi) sulle energie rinnovabili, anche a causa delle rigide norme che mirano ad un futuro green, negli USA rimane una tendenza più conservativa e con pochi rischi, che comunque garantisce dei profitti inimmaginabili. Grazie a queste strategie, le varie Chevron, Exxon Mobil e tutti i vari colossi petroliferi, possono acquisire compagnie e accrescere il proprio portafoglio solamente grazie ai concambi azionari, in modo da utilizzare i liquidi per altri investimenti.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Fabio Belli è vicepresidente esecutivo e COO di Kerry Project Logistics

Nuovo incarico di assoluto prestigio per Fabio Belli, dopo la conclusione dell’esperienza in Fagioli come CEO della società. L’approdo di oggi è in Kerry Project Logistics...

Scambio di asset tra Equinor e Petoro

Equinor e Petoro, società interamente controllata dal governo norvegese, hanno stipulato un accordo per lo scambio di asset a valore neutro nell'area di Haltenbanken. “Abbiamo...

Rosetti Marino ottiene un contratto FEED da INEOS E&P

L'azienda ravennate Rosetti Marino, che si occupa di fornire servizi di ingegneria e costruzione a vari settori industriali, si è aggiudicata dalla danese INEOS...

BP concede una boccata d’aria ai bilanci azeri

BP, colosso petrolifero britannico, ha annunciato di aver avviato la produzione di petrolio e gas nella nuova piattaforma petrolifera costruita nel giacimento Azeri-Chirag-Deepwater Gunashli...

Vard (Fincantieri) costruirà una Ocean Energy Construction Vessel a propulsione ibrida per Island Offshore

Vard, controllata di Fincantieri, ha siglato un accordo con Island Offshore, armatore norvegese che opera nel mercato Oil & Gas e delle rinnovabili, per la progettazione e costruzione di...