mercoledì, Maggio 25, 2022

CONTE: IL GASDOTTO TAP E’ STRATEGICO PER L’ITALIA, MA CI SONO INQUIETUDINI DELLE COMUNITA’ LOCALI

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Il Governo italiano è “pienamente consapevole” dell’importanza strategica del gasdotto TAP (Trasn-Adriatic-Pipeline), me è altrettanto conscio delle inquietudini che l’opera ha generato in alcune delle comunità locali dell’area in cui deve terminare la condotta.

Lo ha dichiarato il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, durante la conferenza stampa tenuta a Washington al termine dell’incontro ufficiale tra il premier italiano e il Presidente americano Donald Trump.

“Siamo pienamente consapevoli che il TAP è un’opera strategica per l’approvvigionamento energetico dell’Italia e di tutto il Sud Europa” ha detto Conte. “Come siamo consapevoli che il nuovo gasdotto potrà contribuire al rinnovamento energetico e alla decarbonizzazione, che sono obbiettivi chiaramente indicati nel nostro programma di Governo”.

D’altra parte – ha proseguito il premier – “ho rappresentato al Presidente Trump che ci sono alcune inquietudini da parte delle comunità locali sul punto in cui approderà la condotta”.

Per affrontare il problema, Conte ha quindi annunciato: “Non appena possibile, io e i ministri competenti ci recheremo in Puglia per incontrare le comunità interessate e trovare una soluzione che possa tenere in considerazione tutte le istanze e gli interessati”.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...