venerdì, Agosto 6, 2021

AL VIA LA PRODUZIONE DEL MAXI-GIACIMENTO DI GAS AUSTRALIANO ICHTHYS LNG

Must read

Ecuador aumenta del 238% le esportazioni di petrolio negli Stati Uniti

In base al nuovo rapporto statistico della compagnia statale Petroamazonas, in maggio l'Ecuador ha esportato negli Stati Uniti una media di 196.000 barili di...

Schlumberger ha aumentato i suoi profitti dell’8%

Il gigante dei servizi petroliferi ha superato le aspettative nel secondo trimestre del 2021 e la tendenza conferma la crescita a breve e medio...

Il 56% delle attività a rischio di Repsol si trovano in Venezuela

La compagnia petrolifera spagnola Repsol ha presentato i suoi risultati finanziari del primo semestre 2021, in cui indica che i loro asset esposti a...

Snam – I gasdotti potranno trasportare in futuro l’idrogeno prodotto dalle rinnovabili

“Domani avremo idrogeno prodotto in Nord Africa, nel Mare del Nord, con risorse solari ed eoliche e quell’idrogeno può viaggiare attraverso il sistema esistente...

Dopo le indiscrezioni dei mesi scorsi, ora è ufficiale: il mega giacimento offshore australiano Ichthys ha iniziato a produrre gas.

Lo ha annunciato, con una nota, la corporation energetica giapponese INPEX, operatore del progetto Ichthys LNG e azionista di maggioranza con il 62,2%, al fianco di altri partner di minoranza tra cui Total (30%) e una lunga serie di operatori, molti dei quali giapponesi.

La stessa azienda nipponica ha poi aggiunto che il primo carico di GNL prodotto nel nuovo giacimento – considerato uno dei più rilevanti al mondo nell’ambito del gas naturale – sarà spedito via mare entro la metà dell’anno fiscale in corso (che per INPEX termina a marzo 2019).

La produzione è partita nei giorni scorsi, dopo il completamento di tutte le operazioni di verifica dei parametri di sicurezza dell’impianto.

Il gas prodotto – spiega INPEX – sarà conferito alla Central Processing Facility (Ichthys Explorer), dove sarà separata la parte liquida da quella gassosa. Dopo di che le componenti liquide saranno inviate alla vicina FPSO, la Ichthys Venturer, per essere ulteriormente processate mentre il gas sarà trasportato attraverso una condotta di lunga 890 km, denominata Gas Export Pipeline, fino all’impianto di liquefazione terrestre, che si trova a Darwin, nel Notrthern Territory australiano.

Dall’impianto terrestre il gas sarà quindi liquefatto per produrre sia GNL che e GPL, i quali verranno poi stoccati in apposite cisterne e quindi spediti in tutto il mondo via nave.

Il progetto Ichthys LNG dovrebbe raggiungere un volume di produzione annua pari a ,9 milioni di tonnellate di GNL e circa 1,68 milioni di tonnellate di GPL, per l’intero corso della sua vita operativa, che è stimata in circa 40 anni.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Ecuador aumenta del 238% le esportazioni di petrolio negli Stati Uniti

In base al nuovo rapporto statistico della compagnia statale Petroamazonas, in maggio l'Ecuador ha esportato negli Stati Uniti una media di 196.000 barili di...

Schlumberger ha aumentato i suoi profitti dell’8%

Il gigante dei servizi petroliferi ha superato le aspettative nel secondo trimestre del 2021 e la tendenza conferma la crescita a breve e medio...

Il 56% delle attività a rischio di Repsol si trovano in Venezuela

La compagnia petrolifera spagnola Repsol ha presentato i suoi risultati finanziari del primo semestre 2021, in cui indica che i loro asset esposti a...

Snam – I gasdotti potranno trasportare in futuro l’idrogeno prodotto dalle rinnovabili

“Domani avremo idrogeno prodotto in Nord Africa, nel Mare del Nord, con risorse solari ed eoliche e quell’idrogeno può viaggiare attraverso il sistema esistente...

Iniziano i lavori di produzione presso il pozzo East Cendor, in Malesia

A 140 chilometri dalle coste della Penisola Malese, sono stati avviati da Petrofac Malaysia Ltd. i lavori presso il pozzo East Cendor, che diventa...