venerdì, Ottobre 22, 2021

CRISI DEL GREGGIO: A GIUGNO EXPORT SAUDITA DIMEZZATO RISPETTO AL 2019

Must read

La produzione di petrolio in Argentina è scesa del 21% in un mese

Il Segretariato per l'Energia dell'Argentina ha riferito che la produzione di petrolio convenzionale a settembre è stata di 296.514 barili al giorno. Nello stesso mese,...

Brasile. La nuova asta ha venduto solo 5 blocchi su 92

 Il Brasile ha venduto solo cinque dei 92 blocchi offerti con nove società partecipanti, rispetto ai 17 blocchi assegnati nella precedente (2019). Grandi compagnie petrolifere...

Pemex lancia bando di gara per la certificazione delle riserve di idrocarburi

Il dipartimento di produzione e esplorazione della compagnia statale petrolifera Pemex (PEP) è alla ricerca di una agenzia per quantificare e certificare i volumi...

Il prezzo del petrolio venezuelano è aumentato del 41%

Il prezzo del greggio ha raggiunto lo scorso settembre 54,96 dollari al barile, un prezzo inferiore del 25% rispetto alla media di riferimento dell'insieme...

Pur rallentando la caduta rispetto a maggio, anche lo scorso giugno l’export petrolifero dell’Arabia Saudita, il primo produttore mondiale di greggio, si è attestato su valori drammaticamente più bassi rispetto a quelli dello stesso periodo dello scorso anno.

Secondo i dati ufficiali recentemente diffusi dalla General Authority for Statistics del Governo di Riad, infatti, a giugno 2020 le vendite saudite di petrolio sui mercati internazionali sono diminuite del 55% rispetto a giugno 2019, con un ammanco in termini di entrate quantificato in 8,7 miliardi di dollari.

Cifra enorme, che tuttavia segna un parziale miglioramento rispetto ai dati del mese precedente, quando l’export aveva fatto registrare un calo di 12 miliardi in valore assoluto rispetto a maggio 2019.

Lo scorso giugno, considerando non solo il greggio ma anche i prodotti derivati come chimica e plastica, le esportazioni saudite sono cresciute di quasi il 20% rispetto al mese precedente, testimoniando quindi un’inversione di tendenza che tuttavia al momento potrebbe non essere sufficiente a far rientrare lo stato di allarme in cui versa il Paese.

L’Arabia Saudita sta infatti attraversando un periodo di forte recessione economica, causata dalla crisi del coronavirus e – soprattutto – proprio dalla drastica riduzione delle entrate legate all’industria del petrolio, su cui si basa gran parte della sussistenza del regno mediorientale.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

La produzione di petrolio in Argentina è scesa del 21% in un mese

Il Segretariato per l'Energia dell'Argentina ha riferito che la produzione di petrolio convenzionale a settembre è stata di 296.514 barili al giorno. Nello stesso mese,...

Brasile. La nuova asta ha venduto solo 5 blocchi su 92

 Il Brasile ha venduto solo cinque dei 92 blocchi offerti con nove società partecipanti, rispetto ai 17 blocchi assegnati nella precedente (2019). Grandi compagnie petrolifere...

Pemex lancia bando di gara per la certificazione delle riserve di idrocarburi

Il dipartimento di produzione e esplorazione della compagnia statale petrolifera Pemex (PEP) è alla ricerca di una agenzia per quantificare e certificare i volumi...

Il prezzo del petrolio venezuelano è aumentato del 41%

Il prezzo del greggio ha raggiunto lo scorso settembre 54,96 dollari al barile, un prezzo inferiore del 25% rispetto alla media di riferimento dell'insieme...

Brasile vuole aumentare importazioni di gas e urea dalla Bolivia

Lo stato brasiliano del Mato Grosso ha manifestato l’interesse di acquistare gas naturale e urea della Bolivia, giustificata da una fase di crescita industriale,...