martedì, Febbraio 7, 2023

CRISI DEL GREGGIO: A GIUGNO EXPORT SAUDITA DIMEZZATO RISPETTO AL 2019

Must read

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Pur rallentando la caduta rispetto a maggio, anche lo scorso giugno l’export petrolifero dell’Arabia Saudita, il primo produttore mondiale di greggio, si è attestato su valori drammaticamente più bassi rispetto a quelli dello stesso periodo dello scorso anno.

Secondo i dati ufficiali recentemente diffusi dalla General Authority for Statistics del Governo di Riad, infatti, a giugno 2020 le vendite saudite di petrolio sui mercati internazionali sono diminuite del 55% rispetto a giugno 2019, con un ammanco in termini di entrate quantificato in 8,7 miliardi di dollari.

Cifra enorme, che tuttavia segna un parziale miglioramento rispetto ai dati del mese precedente, quando l’export aveva fatto registrare un calo di 12 miliardi in valore assoluto rispetto a maggio 2019.

Lo scorso giugno, considerando non solo il greggio ma anche i prodotti derivati come chimica e plastica, le esportazioni saudite sono cresciute di quasi il 20% rispetto al mese precedente, testimoniando quindi un’inversione di tendenza che tuttavia al momento potrebbe non essere sufficiente a far rientrare lo stato di allarme in cui versa il Paese.

L’Arabia Saudita sta infatti attraversando un periodo di forte recessione economica, causata dalla crisi del coronavirus e – soprattutto – proprio dalla drastica riduzione delle entrate legate all’industria del petrolio, su cui si basa gran parte della sussistenza del regno mediorientale.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...