domenica, Maggio 19, 2024

DA WASHINGTON VIA LIBERA ALL’ENI PER INTERVENIRE SULLA FSO NABARIMA DI PDVSA

Must read

Fabio Belli è vicepresidente esecutivo e COO di Kerry Project Logistics

Nuovo incarico di assoluto prestigio per Fabio Belli, dopo la conclusione dell’esperienza in Fagioli come CEO della società. L’approdo di oggi è in Kerry Project Logistics...

Scambio di asset tra Equinor e Petoro

Equinor e Petoro, società interamente controllata dal governo norvegese, hanno stipulato un accordo per lo scambio di asset a valore neutro nell'area di Haltenbanken. “Abbiamo...

Rosetti Marino ottiene un contratto FEED da INEOS E&P

L'azienda ravennate Rosetti Marino, che si occupa di fornire servizi di ingegneria e costruzione a vari settori industriali, si è aggiudicata dalla danese INEOS...

BP concede una boccata d’aria ai bilanci azeri

BP, colosso petrolifero britannico, ha annunciato di aver avviato la produzione di petrolio e gas nella nuova piattaforma petrolifera costruita nel giacimento Azeri-Chirag-Deepwater Gunashli...

L’Eni potrà intervenire a soccorso della FSO Nabarima di PDVSA (la compagnia petrolifera statale del Venezuela), ancorata nel golfo di Paria e carica di oltre 1 milione di barili di greggio, che a seguito dell’allagamento nella sala macchine si è inclinata in maniera pericolosa. L’acqua salata avrebbe danneggiato la parte elettrica e una serie di dispositivi importanti come il sistema di controllo per il rilevamento dei gas e quello di protezione anti-incendio.

Anche se si tratta di un’unità stazionaria, con la funzione di immagazzinare petrolio proveniente dalla piattaforma 4F che si trova a 22 km, la situazione ha generato profonda preoccupazione nei paesi vicini.

Per scongiurare il peggio, qualche giorno fa è arrivato il via libera da Washington alla compagnia italiana ENI, socia di PDVSA per operare nella fascia dell’Orinoco, che le consentirà quindi di scaricare circa 1.200.000 barili di greggio contenuto nelle enormi stive della FSO Nabarima.

L’ENI inoltre ha ottenuto il permesso anche di eseguire tutte le riparazioni necessarie della nave al fine di evitare un disastro ecologico che minaccerebbe tutta la costa dei Caraibi.

Nelle ultime settimane sono state fatte diverse ispezioni tecniche dal personale di Trinidad & Tobago, per valutare la serietà dei danni e di scartare eventuali pericoli di fuga di petrolio.

L’ENI quindi è pronta ad effettuare questa complessa manovra per scaricare il petrolio applicando metodi che prevedono l’utilizzo delle più moderne tecnologie disponibili, e avrebbe noleggiato la petroliera Delta Captain per procedere al recupero del petrolio, previa approvazione del piano da parte dei vertici della compagnia venezuelana PDVSA.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Fabio Belli è vicepresidente esecutivo e COO di Kerry Project Logistics

Nuovo incarico di assoluto prestigio per Fabio Belli, dopo la conclusione dell’esperienza in Fagioli come CEO della società. L’approdo di oggi è in Kerry Project Logistics...

Scambio di asset tra Equinor e Petoro

Equinor e Petoro, società interamente controllata dal governo norvegese, hanno stipulato un accordo per lo scambio di asset a valore neutro nell'area di Haltenbanken. “Abbiamo...

Rosetti Marino ottiene un contratto FEED da INEOS E&P

L'azienda ravennate Rosetti Marino, che si occupa di fornire servizi di ingegneria e costruzione a vari settori industriali, si è aggiudicata dalla danese INEOS...

BP concede una boccata d’aria ai bilanci azeri

BP, colosso petrolifero britannico, ha annunciato di aver avviato la produzione di petrolio e gas nella nuova piattaforma petrolifera costruita nel giacimento Azeri-Chirag-Deepwater Gunashli...

Vard (Fincantieri) costruirà una Ocean Energy Construction Vessel a propulsione ibrida per Island Offshore

Vard, controllata di Fincantieri, ha siglato un accordo con Island Offshore, armatore norvegese che opera nel mercato Oil & Gas e delle rinnovabili, per la progettazione e costruzione di...