venerdì, Aprile 23, 2021

ENI E QATAR PETROLEUM ABBANDONANO LA GARA PER ACQUISIRE L’OPERATORE FOTOVOLTAICO RTR

Must read

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

Per ragioni non meglio precisate, l’Eni avrebbe deciso di abbandonare la gara per rilevare la società italiana Rete Rinnovabile (RTR), uno dei primi operatori nazionali nel settore dell’energia solare.

L’azienda, che ha proprie sedi a Roma e Rovereto (Trento), è controllata dal fondo di private equity britannico Terra Firma, che però ha deciso di alienare questo asset tramite un deal che – secondo l’agenzia di stampa Reuters – potrebbe superare la soglia del miliardo di euro in termini di valore economico, configurandosi, in caso di esito positivo, come la più grande operazione nella storia dell’industria fotovoltaica italiana, ancora molto frammentata e quindi sotto pressione nella direzione di una maggiore aggregazione.

Terra Firma ha quindi avviato una gara per raccogliere offerte relativa agli impianti di RTR, 130 strutture per una capacità complessiva di 330 MW, a cui inizialmente sembrava seriamente intenzionata a partecipare anche la corporation di San Donato Milanese, in partnership con Qatar Petroleum.

Progetto che però sembra essere stato rapidamente accantonato: secondo quanto rivelato dalla stessa Reuters, infatti, Eni e il partner qatariota si sarebbero ritirati dalla gara.

La procedura va comunque avanti e si trova ormai nella sua fase finale. Entro pochi gironi, infatti, si concluderanno le operazioni di due diligence e i soggetti interessati dovranno sottoporre le proprie offerte vincolanti a Terra Firma, che intende giungere a chiudere l’operazione di cessione di RTR entro il prossimo 5 agosto.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...