giovedì, Febbraio 22, 2024

ENI PUNTA SUL FOTOVOLTAICO ITALIANO IN PARTNERSHIP CON QATAR PETROLEUM

Must read

Accordo tra Equinor e Deepak Fertilizers per fornitura di GNL

La norvegese Equinor ha firmato un accordo della durata di 15 anni con Deepak Fertilizers, società petrolchimica indiana, per la fornitura di gas naturale...

Cronos-2 estende le partecipazioni di Eni nel Blocco 6

Con un comunicato stampa Eni ha oggi annunciato che la trivellazione effettuata nel pozzo Cronos-2, al largo di Cipro, ha portato i risultati sperati....

Uno studio di Shell ha rivelato che la domanda globale di GNL è destinata a salire

Secondo lo studio “GNL Outlook 2024” effettuato da Shell, la domanda globale di gas naturale liquefatto salirà notevolmente entro il 2040. Il fattore principale di...

La raffineria Sarroch di Saras passa al gruppo Vitol

La società olandese Vitol ha acquisito il 35% delle azioni di Saras, storica azienda italiana attiva nel campo della raffinazione di petrolio fondata dalla famiglia Moratti nel...

Eni sembra decisa a scommettere sulle energie rinnovabili e in particolar modo sul fotovoltaico, puntando ad acquisire il principale operatore italiano del settore.

Secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Reuters, l’offerta recentemente formulata dal colosso di San Donato Milanese per acquisire Rtr-Rete Rinnovabile – il principale operatore fotovoltaico attivo in Italia, messo in vendita dal fondo di private equity Terra Firma – non è stata fatta in autonomia, bensì in partnership con Qatar Petroleum, la compagnia petrolifera di Stato del Qatar.

Il direttore finanziario dell’Eni Massimo Mondazzi, in occasione di un recente convegno, avrebbe definito gli asset in vendita “un portafoglio interessante che potrà contribuire sicuramente agli obiettivi che ci siamo dati che sono quelli di produrre 5 gigawatt di energia da fonte rinnovabile al 2025”.

Lo stesso Mondazzi, sempre secondo quanto riportato dalla Reuters, avrebbe poi parlato anche del business petrolifero del gruppo, in cui sarebbero in vista una serie di disinvestimenti. In particolare, Eni starebbe valutando di ridurre le proprie quote di partecipazione in diversi giacimenti petroliferi in Messico e in Indonesi.

“Noi definiamo la nostra strategia ‘dual exploration’: normalmente partiamo con una quota molto alta in un giacimento, e poi la riduciamo nel corso dello sviluppo del progetto” ha spiegato Mondazzi. Si tratterebbe peraltro della stessa modalità operativa già attuata dall’Eni sia in Mozambico che in Egitto, “e che continueremo ad utilizzare anche in futuro” ha aggiunto Mondazzi.

 

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Accordo tra Equinor e Deepak Fertilizers per fornitura di GNL

La norvegese Equinor ha firmato un accordo della durata di 15 anni con Deepak Fertilizers, società petrolchimica indiana, per la fornitura di gas naturale...

Cronos-2 estende le partecipazioni di Eni nel Blocco 6

Con un comunicato stampa Eni ha oggi annunciato che la trivellazione effettuata nel pozzo Cronos-2, al largo di Cipro, ha portato i risultati sperati....

Uno studio di Shell ha rivelato che la domanda globale di GNL è destinata a salire

Secondo lo studio “GNL Outlook 2024” effettuato da Shell, la domanda globale di gas naturale liquefatto salirà notevolmente entro il 2040. Il fattore principale di...

La raffineria Sarroch di Saras passa al gruppo Vitol

La società olandese Vitol ha acquisito il 35% delle azioni di Saras, storica azienda italiana attiva nel campo della raffinazione di petrolio fondata dalla famiglia Moratti nel...

Claudio Descalzi incontra il presidente dell’Indonesia

L'Amministratore Delegato di Eni, Claudio Descalzi, si è recato a Giacarta per incontrare il Presidente della Repubblica indonesiano Joko Widodo. Il tema dell'incontro era...