venerdì, Aprile 23, 2021

ENI SI AFFIDA A MAERSK DRILLING PER NUOVE PERFORAZIONI NELL’OFFSHORE DI TIMOR EST

Must read

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

Per la perforazione di un nuovo pozzo esplorativo nell’offshore di Timor Est, l’Enie deciso di affidarsi a Maersk Drilling, la società specializzata in questo tipo di attività parte del colosso marittimo danese AP Moller-Maersk.

Come ha rivelato l’azienda scandinava in una nota, Eni e Maersk hanno infatti firmato un contratto per il noleggio del Maersk Deliverer, rig semi-sommergibile costruito nel 2009 e in grado di perforare in acque profonde fino a 3.000 metri. L’incarico è relativo alla perforazione di un singolo pozzo nell’area JPDA 11-106 Joint Venture, nell’offshore di Timor Est, attività che inizierà a marzo 2019 e durerà circa 2 mesi. Eni però dispone di un’opzione per lo scavo di un secondo pozzo, corrispondente ad altri due mesi di lavoro.

Attualmente, il Maersk Deliverer si trova ormeggiato a Labuan, in Malaysia, dove è fermo dallo scorso marzo dopo aver concluso una campagna di perforazioni offshore in Far East.

Nell’ambito del contratto appena firmato, Maersk Drilling si è impegnata ad utilizzare una quota di manodopera locale e fornitori locali per l’approvvigionamento del materiale necessario all’esecuzione del contratto, con l’obbiettivo di favorire lo sviluppo dell’economia di Timor Est.

L’Eni è presente fin dal 2006 nel Paese asiatico, con vari asset in ambito upstream, ed è operatore della JPDA 11-106 PSC, con un interesse del 40,53%, in joint venture con INPEX Offshore Timor-Leste Ltd, con il 35,47%, e Timor GAP PSC 11-106 Unipessoal Limitada (TimorGap), con il 24%.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...