martedì, Settembre 28, 2021

ENI SI AFFIDA A MAERSK DRILLING PER NUOVE PERFORAZIONI NELL’OFFSHORE DI TIMOR EST

Must read

Exxon pagherà 340.000 euro per gli audit del progetto Payara

In base alla licenza di produzione del campo di Payara, Esso Exploration de Petróleo e Production Guyana Limited pagheranno alla Guyana 340.000 euro all'anno...

PDVSA autorizza l’importazione di sei milioni di litri di gasolio dalla Colombia

Un anno e mezzo fa la Camera petrolifera del Venezuela aveva chiesto l'importazione di combustibili dalla Colombia, ma la richiesta ha trovato molti ostacoli,...

ConocoPhillips acquisterà l’asset di Shell Permian per 8 miliardi di euro

La compagnia ConocoPhillips ha acquistato le attività nel bacino del Permiano di Royal Dutch Shell per un valore di 8 miliardi di euro, consolidando...

Perù. Petrotal annuncia una produzione record di 15.000 barili al giorno

La società statunitense Petrotal che gestisce il Blocco 95 in provincia peruviana di Loreto ha annunciato di aver raggiunto un record di produzione nel...

Per la perforazione di un nuovo pozzo esplorativo nell’offshore di Timor Est, l’Enie deciso di affidarsi a Maersk Drilling, la società specializzata in questo tipo di attività parte del colosso marittimo danese AP Moller-Maersk.

Come ha rivelato l’azienda scandinava in una nota, Eni e Maersk hanno infatti firmato un contratto per il noleggio del Maersk Deliverer, rig semi-sommergibile costruito nel 2009 e in grado di perforare in acque profonde fino a 3.000 metri. L’incarico è relativo alla perforazione di un singolo pozzo nell’area JPDA 11-106 Joint Venture, nell’offshore di Timor Est, attività che inizierà a marzo 2019 e durerà circa 2 mesi. Eni però dispone di un’opzione per lo scavo di un secondo pozzo, corrispondente ad altri due mesi di lavoro.

Attualmente, il Maersk Deliverer si trova ormeggiato a Labuan, in Malaysia, dove è fermo dallo scorso marzo dopo aver concluso una campagna di perforazioni offshore in Far East.

Nell’ambito del contratto appena firmato, Maersk Drilling si è impegnata ad utilizzare una quota di manodopera locale e fornitori locali per l’approvvigionamento del materiale necessario all’esecuzione del contratto, con l’obbiettivo di favorire lo sviluppo dell’economia di Timor Est.

L’Eni è presente fin dal 2006 nel Paese asiatico, con vari asset in ambito upstream, ed è operatore della JPDA 11-106 PSC, con un interesse del 40,53%, in joint venture con INPEX Offshore Timor-Leste Ltd, con il 35,47%, e Timor GAP PSC 11-106 Unipessoal Limitada (TimorGap), con il 24%.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Exxon pagherà 340.000 euro per gli audit del progetto Payara

In base alla licenza di produzione del campo di Payara, Esso Exploration de Petróleo e Production Guyana Limited pagheranno alla Guyana 340.000 euro all'anno...

PDVSA autorizza l’importazione di sei milioni di litri di gasolio dalla Colombia

Un anno e mezzo fa la Camera petrolifera del Venezuela aveva chiesto l'importazione di combustibili dalla Colombia, ma la richiesta ha trovato molti ostacoli,...

ConocoPhillips acquisterà l’asset di Shell Permian per 8 miliardi di euro

La compagnia ConocoPhillips ha acquistato le attività nel bacino del Permiano di Royal Dutch Shell per un valore di 8 miliardi di euro, consolidando...

Perù. Petrotal annuncia una produzione record di 15.000 barili al giorno

La società statunitense Petrotal che gestisce il Blocco 95 in provincia peruviana di Loreto ha annunciato di aver raggiunto un record di produzione nel...

Il Parlamento apre un’inchiesta sui contratti di fornitura di Petroecuador

Petroecuador ha riferito alla stampa che per soddisfare la richiesta del presidente della Commissione di Vigilanza dell'Assemblea Nazionale sulle operazioni della gestione del commercio...