mercoledì, Marzo 3, 2021

EXXONMOBIL STUDIA MAXI-CESSIONE DA 25 MILIARDI (COMPRESI TUTTI GLI ASSET UPSTREAM EUROPEI)

Must read

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

ExxonMobil starebbe studiando una maxi cessione di asset del valore complessivo di 25 miliardi di dollari che, se realizzata, vedrebbe la major americana abbandonare del tutto il business upstream in Europa.

Secondo quanto riferito all’agenzia Reuters da 3 fonti finanziarie, infatti, Exxon vorrebbe vendere partecipazioni in giacimenti di petrolio e gas in Europa, Asia e Africa per reinvestire le risorse così raccolte in pochi grandi progetti in altre aree del mondo.

Questa eventuale dismissione, che sarebbe la più grande realizzata dalla compagnia da decenni, imprimerebbe un’accelerazione al piano di disinvestimenti già annunciato da tempo dai vertici di ExxonMobil e rappresenterebbe anche – sempre secondo la Reuters – un ambizioso tentativo del CEO della corporation USA Darren Woods di raggiungere i competitor, che già a partire dalla crisi di mercato del 2014 avevano iniziato a razionalizzare il loro portafoglio di partecipazioni.

Le azioni di Exxon, infatti, hanno performato peggio di quelle dei principali competitor negli ultimi anni e secondo gli analisti queste cessioni potrebbero aiutare la compagnia a investire su nuovi progetti che possano dare maggiore soddisfazione agli azionisti.

L’operazione vedrebbe Exxon uscire del tutto dal business upstream in Europa, per reinvestire la liquidità così raccolta in nuovi progetti in Guyana, Mozambico, Papua Nuova Guinea, Brasile e Stati Uniti.

La compagnia non ha fornito dettagli su quali saranno gli asset messi in vendita, ma ha comunicato a Wall Street che il valore complessivo dell’operazione potrebbe raggiungere i 25 miliardi di dollari.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Nuove date per l’OMC 2021, che si svolgerà a Ravenna dal 28 al 30 settembre

La 15esima edizione della fiera OMC (Offshore Mediterranean Conference) di Ravenna non si svolgerà a maggio, come inizialmente previsto, ma dal 28 al 30...