mercoledì, Agosto 4, 2021

EXXONMOBIL STUDIA MAXI-CESSIONE DA 25 MILIARDI (COMPRESI TUTTI GLI ASSET UPSTREAM EUROPEI)

Must read

Il 56% delle attività a rischio di Repsol si trovano in Venezuela

La compagnia petrolifera spagnola Repsol ha presentato i suoi risultati finanziari del primo semestre 2021, in cui indica che i loro asset esposti a...

Snam – I gasdotti potranno trasportare in futuro l’idrogeno prodotto dalle rinnovabili

“Domani avremo idrogeno prodotto in Nord Africa, nel Mare del Nord, con risorse solari ed eoliche e quell’idrogeno può viaggiare attraverso il sistema esistente...

Iniziano i lavori di produzione presso il pozzo East Cendor, in Malesia

A 140 chilometri dalle coste della Penisola Malese, sono stati avviati da Petrofac Malaysia Ltd. i lavori presso il pozzo East Cendor, che diventa...

Consorzio Libra e Shell Brazil – via libera alla FPSO Mero-4 nel offshore del Brasile

Il Consorzio Libra, gestito dalla brasiliana Petrobras, ha annunciato di aver raggiunto l’accordo con Shell Brasil Petroleo (Shell Brasil) per la fornitura della nave...

ExxonMobil starebbe studiando una maxi cessione di asset del valore complessivo di 25 miliardi di dollari che, se realizzata, vedrebbe la major americana abbandonare del tutto il business upstream in Europa.

Secondo quanto riferito all’agenzia Reuters da 3 fonti finanziarie, infatti, Exxon vorrebbe vendere partecipazioni in giacimenti di petrolio e gas in Europa, Asia e Africa per reinvestire le risorse così raccolte in pochi grandi progetti in altre aree del mondo.

Questa eventuale dismissione, che sarebbe la più grande realizzata dalla compagnia da decenni, imprimerebbe un’accelerazione al piano di disinvestimenti già annunciato da tempo dai vertici di ExxonMobil e rappresenterebbe anche – sempre secondo la Reuters – un ambizioso tentativo del CEO della corporation USA Darren Woods di raggiungere i competitor, che già a partire dalla crisi di mercato del 2014 avevano iniziato a razionalizzare il loro portafoglio di partecipazioni.

Le azioni di Exxon, infatti, hanno performato peggio di quelle dei principali competitor negli ultimi anni e secondo gli analisti queste cessioni potrebbero aiutare la compagnia a investire su nuovi progetti che possano dare maggiore soddisfazione agli azionisti.

L’operazione vedrebbe Exxon uscire del tutto dal business upstream in Europa, per reinvestire la liquidità così raccolta in nuovi progetti in Guyana, Mozambico, Papua Nuova Guinea, Brasile e Stati Uniti.

La compagnia non ha fornito dettagli su quali saranno gli asset messi in vendita, ma ha comunicato a Wall Street che il valore complessivo dell’operazione potrebbe raggiungere i 25 miliardi di dollari.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il 56% delle attività a rischio di Repsol si trovano in Venezuela

La compagnia petrolifera spagnola Repsol ha presentato i suoi risultati finanziari del primo semestre 2021, in cui indica che i loro asset esposti a...

Snam – I gasdotti potranno trasportare in futuro l’idrogeno prodotto dalle rinnovabili

“Domani avremo idrogeno prodotto in Nord Africa, nel Mare del Nord, con risorse solari ed eoliche e quell’idrogeno può viaggiare attraverso il sistema esistente...

Iniziano i lavori di produzione presso il pozzo East Cendor, in Malesia

A 140 chilometri dalle coste della Penisola Malese, sono stati avviati da Petrofac Malaysia Ltd. i lavori presso il pozzo East Cendor, che diventa...

Consorzio Libra e Shell Brazil – via libera alla FPSO Mero-4 nel offshore del Brasile

Il Consorzio Libra, gestito dalla brasiliana Petrobras, ha annunciato di aver raggiunto l’accordo con Shell Brasil Petroleo (Shell Brasil) per la fornitura della nave...

Vard Group consegna la prima nave da crociera per destinazioni polari a GNL

Vard Group, compagnia controllata da Fincantieri e uno dei leader mondiali nella progettazione di navi per il mercato offshore, ha annunciato di aver consegnato...