mercoledì, Maggio 18, 2022

EXXONMOBIL STUDIA MAXI-CESSIONE DA 25 MILIARDI (COMPRESI TUTTI GLI ASSET UPSTREAM EUROPEI)

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

ExxonMobil starebbe studiando una maxi cessione di asset del valore complessivo di 25 miliardi di dollari che, se realizzata, vedrebbe la major americana abbandonare del tutto il business upstream in Europa.

Secondo quanto riferito all’agenzia Reuters da 3 fonti finanziarie, infatti, Exxon vorrebbe vendere partecipazioni in giacimenti di petrolio e gas in Europa, Asia e Africa per reinvestire le risorse così raccolte in pochi grandi progetti in altre aree del mondo.

Questa eventuale dismissione, che sarebbe la più grande realizzata dalla compagnia da decenni, imprimerebbe un’accelerazione al piano di disinvestimenti già annunciato da tempo dai vertici di ExxonMobil e rappresenterebbe anche – sempre secondo la Reuters – un ambizioso tentativo del CEO della corporation USA Darren Woods di raggiungere i competitor, che già a partire dalla crisi di mercato del 2014 avevano iniziato a razionalizzare il loro portafoglio di partecipazioni.

Le azioni di Exxon, infatti, hanno performato peggio di quelle dei principali competitor negli ultimi anni e secondo gli analisti queste cessioni potrebbero aiutare la compagnia a investire su nuovi progetti che possano dare maggiore soddisfazione agli azionisti.

L’operazione vedrebbe Exxon uscire del tutto dal business upstream in Europa, per reinvestire la liquidità così raccolta in nuovi progetti in Guyana, Mozambico, Papua Nuova Guinea, Brasile e Stati Uniti.

La compagnia non ha fornito dettagli su quali saranno gli asset messi in vendita, ma ha comunicato a Wall Street che il valore complessivo dell’operazione potrebbe raggiungere i 25 miliardi di dollari.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...