sabato, Maggio 15, 2021

IN CORSO IN NORVEGIA LA CONFERENZA ONS, DEDICATA ALLE ATTIVIA’ OFFSHORE NEL MARE DEL NORD

Must read

Petrobras firma il contratto per la costruzione della settima unità di Búzios

Petrobras ha firmato un contratto con la società Keppel Shipyard Limited per la costruzione della piattaforma P-78, la settima unità che si installerá nel...

Oxy perde 346 milioni di dollari nel primo trimestre

Occidental Petroleum, una delle compagnie Upstream più importanti degli Stati Uniti, ha dichiarato una perdita di 346 milioni di dollari nel primo trimestre 2021. I...

IEA: le scorte di petrolio tornano a livelli più normali

Dopo quasi un anno di forte limitazione dell'offerta da parte dei paesi dell'OPEC e dei suoi alleati, le scorte petrolifere mondiali che si sono...

Shell fa una grande scoperta di petrolio nel Golfo del Messico

Con la perforazione del pozzo Leopard, Shell ha trovato un giacimento di petrolio con uno spessore di oltre 183 metri, in questo momento gli...

E’ in corso in questi giorni (dal 27 al 30 agosto) a Stavanger, in Norvegia, ONS (Offshore Nort Sea), fiera internazionale con cadenza biennale inaugurata nel 1974 e dedicata all’industria oil&gas nel Mare del Nord.

Oltre alla ONS Exibithion, con moltissimi espositori (nell’ultima edizione, quella del 2016, erano stati oltre 1.200) e al ONS Festival, dedicato ad attività ricreative e di networking, l’evento si compone di ONS Conference, serie di seminari e conferenze dedicati agli argomenti di attualità che riguardano le attività offshore. Tra le principali questioni affrontate le strategie di leadership innovative, gli effetti delle dinamiche geopolitiche sul mercato dell’energia e i vantaggi che l’industria oil&gas può trarre dallo sviluppo tecnologico.

Altri temi approfonditi durante le varie sessioni di ONS Conference sono stati la digitalizzazione e il futuro della mobilità: veicoli autonomi, aeroplani a propulsione elettrica e navi a zero emissioni.

Nella sessione tecnica, esperti di diversa proveniente hanno presentato alcune possibili soluzioni per affrontare la sfide ancora irrisolte che si trova davanti chi opera nell’offshore del Mare del Nord. In oltre 10 sessioni, durante la quali si sono susseguiti oltre 60 speaker, si è poi discusso anche delle opportunità e delle side del Mar di Barents, dei vantaggi delle cyber security e delle tecnologie per abbattere le emissioni.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Petrobras firma il contratto per la costruzione della settima unità di Búzios

Petrobras ha firmato un contratto con la società Keppel Shipyard Limited per la costruzione della piattaforma P-78, la settima unità che si installerá nel...

Oxy perde 346 milioni di dollari nel primo trimestre

Occidental Petroleum, una delle compagnie Upstream più importanti degli Stati Uniti, ha dichiarato una perdita di 346 milioni di dollari nel primo trimestre 2021. I...

IEA: le scorte di petrolio tornano a livelli più normali

Dopo quasi un anno di forte limitazione dell'offerta da parte dei paesi dell'OPEC e dei suoi alleati, le scorte petrolifere mondiali che si sono...

Shell fa una grande scoperta di petrolio nel Golfo del Messico

Con la perforazione del pozzo Leopard, Shell ha trovato un giacimento di petrolio con uno spessore di oltre 183 metri, in questo momento gli...

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...