venerdì, Gennaio 27, 2023

INTERVISTA DEL MESE A MARCO SOSTARO, AMMINISTRATORE DELEGATO DI BUREAU VERITAS NEXTA

Must read

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

Nata per rispondere ad una precisa domanda della clientela ‘storica’ del gruppo Bureau Veritas, Bureau Veritas Nexta raggruppa tutte le attività di ingegneria e consulenza offerte dal gruppo internazionale sul mercato italiano, “con l’obbiettivo di proporre un’assistenza a 360° rivolta a tutta la catena di vita di un asset o di un’infrastruttura” spiega a OilGas News Marco Sostaro, Amministratore delegato della società.

Business in cui un ruolo determinante è rivestito dall’industria oil&gas, da cui proviene una parte significativa dei clienti delle di Nexta.

 

Quando nasce Bureau Veritas Nexta e com’è articolata la sua struttura?

La società esisteva già da una decina d’anni, ma operava solo nell’ambito HSE (Health, Safety, Environment). Dalla scorsa estate, però, sono stati sviluppati sotto il cappello di Bureau Veritas Nexta tutta una serie di nuovi servizi di consulenza e ingegneria, che hanno così trovato una nuova e più razionale organizzazione.  E’ una società italiana, che ha sede a Roma, uffici a Milano, Genova, Firenze e Bologna e un team composto da circa 50 persone tra ingegneri e tecnici.

 

Quanto pesa, sul totale delle vostre attività, il settore dell’oil&gas?

Una parte importante dei nostri servizi è rivolta principalmente, anche se non esclusivamente, a questa industria, da cui origina circa la metà del nostro fatturato che nel 2020 dovrebbe raggiungere gli 11 milioni di euro.

Siamo però attivi anche in molti altri comparti come infrastrutture, immobiliare, farmaceutico. Il nostro cliente ‘tipo’ è comunque il proprietario o il gestore di qualsiasi asset.

 

Come avete approcciato questo nuovo business?

Siamo entrati nel settore della consulenza e dell’ingegneria con un’esperienza storica come gruppo Bureau Veritas quale ente di terza parte, che ci permette di garantire la massima indipendenza e trasparenza, principi cardini dell’attività del gruppo.

 

Com’è strutturata la vostra offerta di servizi?

Siamo focalizzati principalmente su due macro-aree: Building e Infrastructure. Nel primo caso svolgiamo consulenza in ambito HSE ed edilizia, con analisi di impatto ambientale, bonifiche, verifiche sismiche e diagnosi energetiche, ma anche collaudi e direzioni lavori.

Siamo poi in grado di svolgere, per conto del cliente, technical due-diligence, ovvero valutazioni di asset che devono essere acquistati o venduti, siano esse di tipo tecnico, ambientale o economico-finanziario.

Per quanto riguarda le infrastrutture, invece, abbiamo appena stretto un’alleanza strategica con il gruppo Osmos – società che opera nel settore mediante software e hardware molto innovativi – finalizzata alla realizzazione di sistemi di monitoraggio strutturale di ponti, dighe, gallerie e impianti industriali.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

YPFB investirà nel sistema di distribuzione del gas naturale di Puerto Suárez

Il sistema di distribuzione del gas naturale andrà a beneficio del settore produttivo della città di Puerto Suárez (al confine con il Brasile), poiché...