martedì, Settembre 28, 2021

INTERVISTA DEL MESE CON FRANCESCO PALMA, RESPONSABILE MARKETING DI BONATTI

Must read

Exxon pagherà 340.000 euro per gli audit del progetto Payara

In base alla licenza di produzione del campo di Payara, Esso Exploration de Petróleo e Production Guyana Limited pagheranno alla Guyana 340.000 euro all'anno...

PDVSA autorizza l’importazione di sei milioni di litri di gasolio dalla Colombia

Un anno e mezzo fa la Camera petrolifera del Venezuela aveva chiesto l'importazione di combustibili dalla Colombia, ma la richiesta ha trovato molti ostacoli,...

ConocoPhillips acquisterà l’asset di Shell Permian per 8 miliardi di euro

La compagnia ConocoPhillips ha acquistato le attività nel bacino del Permiano di Royal Dutch Shell per un valore di 8 miliardi di euro, consolidando...

Perù. Petrotal annuncia una produzione record di 15.000 barili al giorno

La società statunitense Petrotal che gestisce il Blocco 95 in provincia peruviana di Loreto ha annunciato di aver raggiunto un record di produzione nel...

Un fatturato in crescita e una presenza ormai ben radicata, anche grazie a settant’anni di storia, in tutte le principali aree del mondo: su queste basi Bonatti guarda al futuro, prestando particolare attenzione alle nuove tendenze del mercato dettate dalla transizione energetica e dalla progressiva affermazione del GNL (gas naturale liquefatto).

Ne abbiamo parlato con l’ingegner Francesco Palma, Responsabile Marketing dell’azienda di Parma.

 

In quali settori dell’oil&gas siete presenti e che tipo di servizi offrite?

Bonatti è un EPC Contractor con un’esperienza di oltre 70 anni al servizio dell’industria dell’oil & gas. Le attività della società vanno dall’ingegneria e costruzione di impianti e pipeline, all’operation & maintenance delle facilities fino ai servizi di produzione.

 

A quali categorie di clienti vi rivolgete?

I clienti di Bonatti sono le principali oil company e trasportatori di idrocarburi al mondo. La società si relaziona, infatti, sia con International Oil Company del calibro di ExxonMobil, Chevron, BP e Shell, che con le National Oil Company, sia con grandi operatori di trasporto come TransCanada o Wingas.

 

Com’è strutturata la vostra presenza a livello geografico? In quali mercati operate?

Bonatti è attualmente presente e operativa in 4 continenti. Le aree principali sono il Nord-Africa con Algeria, Libia ed Egitto; l’Africa sub-sahariana con il Mozambico; il Medi Oriente con l’Iraq; l’Asia Centrale con il Kazakhstan. Poi, ancora, l’Europa, che vede l’azienda operativa in Germania, Grecia e Romania, oltre all’Italia. Infine, il Nord-America, con una importante presenza in Messico e la novità del Canada.

 

Quanti dipendenti avete?

Bonatti può contare, oggi, su un organico di oltre 10.000 persone di circa 50 nazionalità.

 

A quanto ammonta, indicativamente, il fatturato dell’azienda?

I ricavi si attestano, a fine 2018, a 793 milioni di euro con un trend in crescita rispetto all’anno precedente.

 

Quali sono i principali progetti in cui siete impegnati al momento?

Al momento Bonatti è impegnata su progetti che rientrano nei maggiori piani di sviluppo e investimento delle principali oil company e trasportatori di gas al mondo.

I principali progetti su cui la società è al lavoro sono:

  • TAP, Grecia, costruzione di pipeline (365 km – 48”);
  • EUGAL, Germania, costruzione di pipeline (292 km – 56”), per l’espansione dell’approvvigionamento di gas proveniente dal NORD STREAM 2 (Mar Baltico);
  • COASTAL GASLINK, Canada, costruzione della pipeline che alimenterà gli impianti LNG che esporteranno il gas canadese verso l’Asia;
  • AREA 51 PIPELINES / TCO, Kazakhstan, costruzione del nuovo sistema di raccolta di idrocarburi del giacimento di Tengiz;
  • WEST NILE DELTA PROJECT, Egitto, costruzione e lavori elettrostrumentali delle facilities onshore;
  • ZOHR FIELD DEVELOPMENT, Egitto, lavori elettrostrumentali sulle facilities onshore;
  • ROVUMA LNG PROJECT PIONEER CAMP, Mozambico, prima milestone del progetto di sviluppo dei grandi giacimenti di gas nel nord del Paese;
  • WEST QURNA 2 FIELD, Iraq, operation & maintenance degli impianti;

I più importanti progetti consegnati negli ultimi mesi, invece, sono stati:

  • ALRAR SEPARATION AND BOOSTING PLANT, Algeria;
  • GR4 COMPRESSOR STATION, Algeria;
  • SUR DE TEXAS PIPELINE, TUXPAN-TULA PIPELINE, TULA-VILLA DE REYES PIPELINE, TUXPAN COMPRESSOR STATION, Mexico, un blocco di progetti (3 pipeline + 1 stazione di compressione + facilities accessorie) che incrementa in modo significativo l’approvvigionamento di gas del Paese.

Altri progetti molto significativi eseguiti negli ultimi anni sono stati:

  • KASHAGAN PIPELINE REPLACEMENT, Kazakhstan;
  • CENTRO OLIO VAL D’AGRI – PLANT DEBOTTLENECKING, Italia.

 

Come vedete, dal vostro punto di vista, l’attuale stato di salute del mercato oil&gas?

Lo scenario geo-politico è attualmente in grande fermento, ma nonostante questo notiamo una ripresa degli investimenti.

 

La transizione energetica in atto, e il crescente ruolo del gas naturale, che impatto avranno sul vostro settore di attività?

Avranno un ruolo molto importante. Attualmente Bonatti è impegnata su due aree come Mozambico e Canada che vedranno la costruzione di impianti LNG di dimensioni notevoli. Naturalmente seguiamo lo sviluppo del mercato con grande attenzione.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Exxon pagherà 340.000 euro per gli audit del progetto Payara

In base alla licenza di produzione del campo di Payara, Esso Exploration de Petróleo e Production Guyana Limited pagheranno alla Guyana 340.000 euro all'anno...

PDVSA autorizza l’importazione di sei milioni di litri di gasolio dalla Colombia

Un anno e mezzo fa la Camera petrolifera del Venezuela aveva chiesto l'importazione di combustibili dalla Colombia, ma la richiesta ha trovato molti ostacoli,...

ConocoPhillips acquisterà l’asset di Shell Permian per 8 miliardi di euro

La compagnia ConocoPhillips ha acquistato le attività nel bacino del Permiano di Royal Dutch Shell per un valore di 8 miliardi di euro, consolidando...

Perù. Petrotal annuncia una produzione record di 15.000 barili al giorno

La società statunitense Petrotal che gestisce il Blocco 95 in provincia peruviana di Loreto ha annunciato di aver raggiunto un record di produzione nel...

Il Parlamento apre un’inchiesta sui contratti di fornitura di Petroecuador

Petroecuador ha riferito alla stampa che per soddisfare la richiesta del presidente della Commissione di Vigilanza dell'Assemblea Nazionale sulle operazioni della gestione del commercio...