venerdì, Maggio 20, 2022

TAP AVVIA UN ‘MARKET TEST’ SUL RADDOPPIO DELLA CAPACITA’ DEL GASDOTTO

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Ora che l’opera è completata per l’88%, TAP AG, la società – partecipata da BP (20%), SOCAR (20%), Snam (20%), Fluxys (19%), Enagás (16%) e Axpo (5%) – che sta costruendo e poi gestirà il nuovo gasdotto, ha avviato un market test per sondare la risposta del mercato ad un eventuale incremento della capacità di trasporto della Tans Adriatic Pipeline.

La condotta, che porterà in Italia, passando per Grecia, Albania e Mar Adriatico, il gas estratto in Azerbaijan e distribuito in Europa attraverso il Southern Gas Corridor, avrà infatti una capacità di 10 miliardi di metri cubi di gas all’anno nella sua prima fase di attività, ma potrà raggiungere i 20 miliardi, a patto che sussistano le condizioni di mercato. Circostanza che TAP ha iniziato a verificare proprio con questa procedura.

L’indagine di mercato – spiega la stessa società in una nota – sarà condotta in due fasi principali: la prima, non vincolante, che inizierà il 1° luglio 2019, seguita da una vincolante, che comincerà presumibilmente nel secondo trimestre del 2020.

“A partire dal 2020, TAP ha in programma di trasportare circa 10 miliardi di metri cubi all’anno di metano, garantendo all’Europa l’accesso a una nuova fonte di approvvigionamento di gas. TAP ha la potenzialità di raddoppiare la sua capacità fino a 20 miliardi di metri cubi annui e quindi, ora che il progetto è completato per oltre l’88%, vogliamo assicurarci la possibilità di espandere la capacità del gasdotto in linea con la futura domanda di trasporto di gas in Europa. Questa è una grande opportunità per consentire che ulteriori risorse di gas raggiungano i mercati europei, favorendo la transizione verso un mix energetico più pulito”, ha commentato Luca Schieppati, Managing Director di TAP.

“Mentre le tratte già completate del gasdotto passano nella fase di commissioning, TAP si sta concentrando sulla preparazione delle operazioni commerciali in qualità di gestore indipendente del sistema di trasmissione (ITO – independent transmission operator) e di affidabile fornitore di servizi. Offriremo pacchetti di capacità in linea con il codice di rete europeo CAM per la assegnazione della capacità” aggiunge Marija Savova, Head of Commercial di TAP.

Il market test verrà condotto secondo le regole e le procedure specificate nelle ‘Linee guida per il market test 2019’ di TAP, approvate dalle autorità regolatorie nazionali di Albania, Grecia e Italia.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...