giovedì, Maggio 19, 2022

AFRICA PROTAGONISTA DELLA NUOVA STAGIONE DEL GNL: DESTINATI AL CONTINENTE 1/3 DEGLI INVESTIMENTI GLOBALI

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Quella appena iniziata, con la FID apposta da Anadarko al progetto Area 1 LNG in Mozambico, sarà una nuova stagione per l’industria del gas naturale liquefatto (GNL), in cui gli investimenti arriveranno a quote mai raggiunte prima, con l’Africa come protagonista e principale destinataria di questa enorme mole di capitali.

Questa, almeno, è l’opinione della società di analisi Rystad Energy, riportata dalla testata specializzata LNG Industry. Nel 2019, secondo Rystad, i nuovi investimenti in progetti di GNL raggiungeranno infatti la cifra record di 103 miliardi di dollari, valore annuo mai raggiunto fino ad oggi in questa industria. E circa il 30% di questo ammontare sarà destinato a progetti africani, con il Mozambico ovviamente in testa grazie ad Area 1 e Area 4. Il primo ha infatti già ottenuto la FID di Anadarko e prevede un capex pari a 15,6 miliardi di dollari, indicatore che lo avvicina ai più grandi progetti deliberati nel mondo. Area 1 LNG si attesta infatti, sempre secondo i dati forniti da Rystad, al terzo posto della classifica per capex, dietro solo a Arctic LNG (25,75 miliardi di dollari) e Qatar LNG (17,5 miliardi di dollari).

Il progetto Area 1 dovrebbe essere operativo a partire dal 2024, con una capacità produttiva di 12,88 milioni di tonnellate all’anno di GNL che trasformerà il Mozambico in un primario esportatore di questa commodity.

Se poi anche il progetto dell’Area 4 dovesse ottenere la FID da ExxonMobile entro quest’anno, come previsto, si aggiungerebbero altri 14,7 miliardi di dollari di investimento destinati al Mozambico, che porterebbero l’Africa ad essere di gran lunga il principale destinatario degli investimenti nel settore con il 28% del totale mondiale.

“La recente FID di Anadarko sul progetto Area 1 LNG ha dato l’avvio ad una nuova fase non solo per il Mozambico e per il continente africano, ma per l’intera industria nel suo complesso” ha commentato Pranav Joshi, analista della divisione upstream di Rystad Energy.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...