giovedì, Maggio 13, 2021

La corporation ADNOC di Abu Dhabi si allea con l’Eni per il trading di prodotti petroliferi raffinati

Must read

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

La Abu Dhabi National Oil Company (ADNOC) ha deciso di affiancare alla sua storica società di trading, chiamata ADNOC Trading e dedicata al commercio internazionale di petrolio greggio, una nuova entità il cui compito sarà invece quello di vendere a livello globale i prodotti raffinati derivanti dall’attività della divisione ADNOC Refining.

E, per dare vita a questa nuova iniziativa, la major degli Emirati Arabi ha deciso di allearsi con l’Eni e con l’azienda energetica statale austriaca OMW: le due aziende europee saranno infatti soci di minoranza (con il 20% quella italiana e con il 15% quella austriaca) di ADNOC Global Trading (AGT), la newco frutto di questa iniziativa che ADNOC comunque controllerà saldamente mantenendo per se il 65% del capitale.

All’evento di lancio della nuova joint-venture – avvenuto ovviamente via web a causa dell’epidemia di coronavirus – hanno preso parte il Sultano Ahmed Al Jaber, Ministro dell’Industria e della Tecnologia Avanzata degli Emirati Arabi Uniti e CEO del gruppo ADNCO, il CEO dell’Eni Claudio Descalzi e il CEO di OMW Rainer Seele.

La mission di AGT sarà quella di allargare la base internazionale di clienti per i prodotti raffinati del gruppo ADNOC (jet fuel, nafta, diesel e altri combustibili) sfruttando anche le possibili sinergie con ADNOC Logistics & Services, la compagnia marittima controllata al gruppo arabo che gestisce oltre 120 navi di diversa tipologia e potrà quindi consentire alla newco di offrire un servizio completo, comprensivo della catena logistica e anche del risk management. Inoltre, secondo quanto rivelato dalla stessa ADNOC in una nota, il controllo diretto della commercializzazione dei prodotti raffinati sarà utile alla divisione ADNOC Refining per gestire in modo più efficiente la programmazione dei volumi di output e del princing.

“Nel recente passato abbiamo definito diverse iniziative di collaborazione con ADNOC lungo tutta la catena del valore” ha ricordato l’Amministratore delegato dell’Eni Claudio Descalzi, commentando il lancio della nuova joint-venture. “La costituzione di questa dedicata al trading globale rappresenta un nuovo passaggio strategico della nostra partnership, che acquisisce così un ulteriore strumento utile a gestire al meglio le dinamiche di mercato. Il nostro contributo in termini di know-how, esperienza operativa nei processi di trading e il nostro personale altamente qualificato hanno dato un contributo determinante alla nascita di ADNOC Global Trading”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Perù: riprende la produzione di petrolio nella zona settentrionale

Il Blocco 67, situato nella località di Loreto, ha ripreso le sue attività dopo un anno di paralisi a causa dei bassi prezzi del...