mercoledì, Aprile 21, 2021

L’AUSTRALIANA PO VALLEY OTTIENE UNA LICENZA PER LA RICERCA DI PETROLIO ONSHORE VICINO A BOLOGNA

Must read

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...

Petrobras cerca operatori internazionali per assegnare la gestione del terminal di rigassificazione Bahia LNG

Procede il processo avviato dalla corporation petrolifera statale brasiliana Petrobras per affidare la gestione del terminal di rigassificazione offshore Bahia LNG. La procedura, partita nella...

La compagnia australiana Po Valley Energy Ltd, attiva fin dal 1998 nella ricerca e nell’estrazione di idrocarburi in Nord Italia, ha da poco ottenuto una nuova licenza di esplorazione per la ricerca di petrolio onshore a Torre del Moro, vicino a Bologna.

La licenza rilasciata dal Ministero dello Sviluppo Economico copre un’area di 111 Km quadrati considerata molto attrattiva, situata vicino al giacimento di Villa Fortuna da cui l’Eni ha già estratto 230 milioni di barili di greggio.

Po Valley, che – attraverso le sue due controllate Northsun Italia S.p.A e Po Valley Operations Pty Ltd – dispone di un portafoglio di 14 asset on shore e una licenza offshore, ubicati tra Lombardia ed Emilia Romagna, acquisirà dati già disponibili per un’analisi approfondita dell’area, individuando il target a circa 3.500/4.000 metri di profondità nel sottosuolo. Un pozzo precedentemente scavato 15 Km a sud-est della concessione ottenuta dall’azienda australiana ha già dimostrato la presenza di petrolio dallo stesso giacimento.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...

Petrobras cerca operatori internazionali per assegnare la gestione del terminal di rigassificazione Bahia LNG

Procede il processo avviato dalla corporation petrolifera statale brasiliana Petrobras per affidare la gestione del terminal di rigassificazione offshore Bahia LNG. La procedura, partita nella...

PAROLE DI SCIENZA (a cura di Roberto Vacca) Il degrado culturale corrompe il nostro pensare

Se eri considerato una persona colta vari decenni fa , e anche se hai provato ad aggiornarti, ti senti come lo scemo del villaggio...