venerdì, Aprile 23, 2021

L’AZIENDA VENETA PIETRO FIORENTINI RILEVA UN ‘RAMO’ DI BAKER HUGHES

Must read

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’azienda italiana Pietro Fiorentini – basata ad Arcugnano, in provincia di Vicenza, ha 9 stabilimento in tutto il mondo ed è specializzata nella produzione di impiantistica per l’industria oil&gas – acquisirà un ‘ramo’ di Baker Hughes, controllata del gruppo americano General Electric.

Ad annunciarlo è la stessa società veneta, che in un comunicato rivela l’accordo raggiunto per rilevare il ramo d’azienda BHGE di Talamona (SO) relativo alla divisione Natural Gas Solutions.

La transazione, che dovrebbe concludersi durante il mese di settembre 2018, include 40 dipendenti e il sito produttivo specializzato nella produzione di contatori per il gas ad uso domestico, industriale e commerciale.

“Siamo entusiasti di questa nuova acquisizione, che completerà ulteriormente la nostra gamma di prodotti dandoci l’opportunità di servire ancora meglio i nostri clienti in tutto il mondo. Lavoreremo a stretto contatto con i venditori per garantire a dipendenti, clienti e fornitori interessati una morbida transizione” ha commentato con soddisfazione Cristiano Nardi, Presidente Esecutivo di Pietro Fiorentini.

Il deal con l’azienda italiana è parte di un più ampio processo di cessione di asset, nell’ambito del quale Baker Hughes ha deciso di alienare l’intera divisione Natural Gas Solutions (NGS), per un controvalore complessivo di 375 milioni di dollari.

Al netto dell’impianto italiano, che entrerà appunto a far parte del gruppo Pietro Fiorentini, il resto della divisione di BHGE dedicata alle soluzioni per il gas naturale verrà rilevata dal fondo di private equity First Reserve. La divisione che passerà di mano è costituita da diverse sedi e impianti ubicati in 8 paesi del mondo, compresi tre stabilimenti produttivi in Nord America e Gran Bretagna, per un totale di circa 450 dipendenti.

“Abbiamo trovato i compratori giusti per la divisione NGS, che è stata ceduta a valori attrattivi. Sappiamo che clienti e dipendenti sono in buone mani con First Reserve e Pietro Fiorentini”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...