giovedì, Maggio 13, 2021

L’EGITTO LIBERALIZZA IL MERCATO DEL GAS E APRE AI TRADER INTERNAZIONALI

Must read

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

L’Egitto, in attesa di veder partire la produzione del mega-giacimento Zohr, scoperto e operato dall’Eni – prevista entro la fine dell’anno – ha deciso di imprimere una decisa svolta liberista al mercato nazionale del gas naturale, proponendosi come hub regionale in concorrenza con Turchia e Cipro.

Secondo quanto riportato dalla testata specializzata Petroleum Economist, infatti, il Governo del paese nordafricano, con la Legge 196 del 2017, ha dato il via alla deregulation del settore.

La norma in questione, di fatto, consente alle società private di utilizzare le infrastrutture di import e distribuzione del gas di proprietà dello Stato per le proprie attività di trading.

La compagnie potranno quindi importare, movimentare, stoccare e consegnare gas naturale, sotto il controllo di un nuovo ente governativo da creare appositamente, che sarà presieduto dal Ministro del Petrolio.

Lo scopo, come esplicitato dall’esecutivo egiziano nella stessa Legge 196, è quello di “attrarre e promuovere investimenti nelle attività legate al gas, incoraggiare un clima di concorrenza e creare un mercato competitivo in questo settore”.

Oltre a voler attrarre investimenti esteri, l’Egitto punta a creare un mercato libero e concorrenziale, senza il quale sarebbe impossibile per il Paese assumere un ruolo centrale come hub mediterraneo del gas. Obbiettivo che invece, con questa deregulation appena attuata, potrebbe essere alla portata, considerando che uno dei principali competitor in questo contesto è la Turchia, dove però – almeno al momento – non sembrano all’orizzonte liberalizzazioni di analogo tenore.

La nuova normativa egiziana renderà molto più flessibile il mercato del gas, attirando i grandi operatori del settore che ormai da tempo, a livello globale, lamentano proprio l’eccessiva rigidità di regole e contratti in questo segmento di business.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Perù: riprende la produzione di petrolio nella zona settentrionale

Il Blocco 67, situato nella località di Loreto, ha ripreso le sue attività dopo un anno di paralisi a causa dei bassi prezzi del...