martedì, Marzo 9, 2021

L’ENI CELEBRA IL ‘FIRST OIL’ DEL GIACIMENTO OFFSHORE SANKOFA, IN GHANA

Must read

Eni pensa ad uno spin-off dei business retail e rinnovabili, con possibile quotazione in Borsa il prossimo anno

Eni sta valutando la possibilità di scorporare i business della vendita di energia sul mercato retail e della produzione di rinnovabili, e di quotare...

Snam punta sulla ‘pipeline virtuale’ per metanizzare la Sardegna: bando per la fornitura di navi gasiere

Tramontata l’ipotesi della cosiddetta ‘dorsale sarda’ – il gasdotto che avrebbe dovuto percorrere da nord a sud tutta l’isola trasportando il gas naturale –...

L’OPEC+ orientato a non aumentare (ancora) l’output petrolifero, e il prezzo del barile sale

Il prezzo del barile di petrolio è salito oggi (Brent +1,5% e WTI + 1,7%), sospinto dalla notizia che nel corso del prossimo meeting,...

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

Come previsto, l’Eni ha dato avvio con 3 mesi di anticipo rispetto ai tempi previsti alla produzione di petrolio del giacimento Sankofa, che si trova nell’offshore del Ghana e il cui output dovrebbe attestarsi a quota 45.000 barili di greggio al giorno.

Durante un’apposita cerimonia, l’attuale Presidente del paese africano Nana Akufo Addo, alla presenza del CEO di Eni Claudio Descalzi, ha aperto le valvole della FPSO John Agyekum Kufuor, così chiamata in onore dell’omonimo Presidente del Ghana in carica dal 2001 al 2008, pompando così il ‘first oil’ del giacimento.

Il Sankofa costituisce la prima fase di sviluppo del progetto Offshore Cape Three Points (OCTP), che vale complessivamente 7,9 miliardi di dollari e che dal prossimo anno dovrebbe iniziare a produrre anche 5 milioni di metri cubi di gas al giorno.

Eni detiene la titolarità del 44,4% dell’intero progetto OCTP (gli altri azionisti sono Vitol col 35,56% e Ghana National Petroleum Corporation col 20%), che ad oggi costituisce il più consistente investimento mai effettuato da un’azienda estera in Ghana.

Il governo locale spera che l’Offshore Cape Three Point possa garantire stabilità nell’approvvigionamento energetico del paese al contempo possa dare un nuovo impulso alla ripresa economica, che si basa oltre che sugli idrocarburi di recente scoperta anche sull’export di oro e cacao.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni pensa ad uno spin-off dei business retail e rinnovabili, con possibile quotazione in Borsa il prossimo anno

Eni sta valutando la possibilità di scorporare i business della vendita di energia sul mercato retail e della produzione di rinnovabili, e di quotare...

Snam punta sulla ‘pipeline virtuale’ per metanizzare la Sardegna: bando per la fornitura di navi gasiere

Tramontata l’ipotesi della cosiddetta ‘dorsale sarda’ – il gasdotto che avrebbe dovuto percorrere da nord a sud tutta l’isola trasportando il gas naturale –...

L’OPEC+ orientato a non aumentare (ancora) l’output petrolifero, e il prezzo del barile sale

Il prezzo del barile di petrolio è salito oggi (Brent +1,5% e WTI + 1,7%), sospinto dalla notizia che nel corso del prossimo meeting,...

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...