venerdì, Agosto 6, 2021

L’ENI OTTIENE 13 NUOVE LICENZE ESPLORATIVE NELL’OFFSHORE DELLA NORVEGIA

Must read

Ecuador aumenta del 238% le esportazioni di petrolio negli Stati Uniti

In base al nuovo rapporto statistico della compagnia statale Petroamazonas, in maggio l'Ecuador ha esportato negli Stati Uniti una media di 196.000 barili di...

Schlumberger ha aumentato i suoi profitti dell’8%

Il gigante dei servizi petroliferi ha superato le aspettative nel secondo trimestre del 2021 e la tendenza conferma la crescita a breve e medio...

Il 56% delle attività a rischio di Repsol si trovano in Venezuela

La compagnia petrolifera spagnola Repsol ha presentato i suoi risultati finanziari del primo semestre 2021, in cui indica che i loro asset esposti a...

Snam – I gasdotti potranno trasportare in futuro l’idrogeno prodotto dalle rinnovabili

“Domani avremo idrogeno prodotto in Nord Africa, nel Mare del Nord, con risorse solari ed eoliche e quell’idrogeno può viaggiare attraverso il sistema esistente...

L’Eni, tramite Vår Energi – nata la scorsa estate dalla fusione di Eni Norge e Point ResourceS, società attiva nell’upstream petrolifero controllata dal fondo di private equity HitecVision – ha rafforzato ulteriormente la sua posizione nell’offshore norvegese ottenendo 13 nuove licenze esplorative.

Vår Energi (Eni 69,6% e HitecVision 30,4%), si è aggiudicata le licenze nell’ambito del processo di gara “Awards in Predefined Areas 2018” (APA), gestito dal Ministero del Petrolio ed Energia norvegese (MPE).

La società – spiega il ‘cane a sei zampe’ in una nota – parteciperà a 4 licenze come operatore e a 9 in qualità di partner, in licenze distribuite su tutte e tre le principali province petrolifere della piattaforma continentale norvegese (NCS): Mare del Nord: PL 985 e PL 980 come operatore e PL 987, PL 988, PL 984, PL 978, PL 977; Mar Norvegese: PL 1010, PL 1001, PL 1005, PL 796 B; Mare di Barents: PL 1025 S e PL 229 E come operatore.

Il risultato del APA 2018 è in linea con la strategia di Vår Energi di rafforzare ulteriormente la sua posizione come una delle principali compagnie attive nel NCS. Le nuove licenze ampliano il portafoglio di assets nelle aree attorno ai centri produttivi già operati ed aprono allo stesso tempo nuove opportunità di crescita in altre aree.

“L’assegnazione di queste licenze esplorative rappresenta un ulteriore riconoscimento della nostra capacità di operare in contesti complessi sia dal punto di vista tecnico sia dal punto di vista del rispetto e della tutela ambientale” l’Amministratore Delegato di Eni Claudio Descalzi.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Ecuador aumenta del 238% le esportazioni di petrolio negli Stati Uniti

In base al nuovo rapporto statistico della compagnia statale Petroamazonas, in maggio l'Ecuador ha esportato negli Stati Uniti una media di 196.000 barili di...

Schlumberger ha aumentato i suoi profitti dell’8%

Il gigante dei servizi petroliferi ha superato le aspettative nel secondo trimestre del 2021 e la tendenza conferma la crescita a breve e medio...

Il 56% delle attività a rischio di Repsol si trovano in Venezuela

La compagnia petrolifera spagnola Repsol ha presentato i suoi risultati finanziari del primo semestre 2021, in cui indica che i loro asset esposti a...

Snam – I gasdotti potranno trasportare in futuro l’idrogeno prodotto dalle rinnovabili

“Domani avremo idrogeno prodotto in Nord Africa, nel Mare del Nord, con risorse solari ed eoliche e quell’idrogeno può viaggiare attraverso il sistema esistente...

Iniziano i lavori di produzione presso il pozzo East Cendor, in Malesia

A 140 chilometri dalle coste della Penisola Malese, sono stati avviati da Petrofac Malaysia Ltd. i lavori presso il pozzo East Cendor, che diventa...