mercoledì, Dicembre 8, 2021

L’ENI OTTIENE 13 NUOVE LICENZE ESPLORATIVE NELL’OFFSHORE DELLA NORVEGIA

Must read

Russia diventa il secondo fornitore di petrolio degli Stati Uniti

Nonostante la grande tensione politica in atto tra i due paesi, nel gennaio 2019, un mese prima dell'entrata in vigore delle sanzioni imposte dal...

Guyana. Il Ministro dell’Energia indeciso nella costruzione di nuove raffinerie

Nonostante la scoperta dei 10 miliardi di barili di petrolio scoperti nel Blocco Stabroek e dalle campagne esplorative in altri blocchi, sono diversi gli...

Bolivia. YPFB sostituirà parte delle importazioni di carburante con etanolo nazionale

La compagnia petrolifera statale boliviana YPFB ha riferito che entro il 2022 sostituirà le importazioni di carburante del 20%, risparmierà valuta estera e genererà...

La produzione petrolifera colombiana tocca 740.000 barili al giorno in ottobre

Il Ministero delle Miniere e dell'Energia della Colombia (Minenergía) ha riferito che la produzione di petrolio in ottobre ha raggiunto una media di 740.000...

L’Eni, tramite Vår Energi – nata la scorsa estate dalla fusione di Eni Norge e Point ResourceS, società attiva nell’upstream petrolifero controllata dal fondo di private equity HitecVision – ha rafforzato ulteriormente la sua posizione nell’offshore norvegese ottenendo 13 nuove licenze esplorative.

Vår Energi (Eni 69,6% e HitecVision 30,4%), si è aggiudicata le licenze nell’ambito del processo di gara “Awards in Predefined Areas 2018” (APA), gestito dal Ministero del Petrolio ed Energia norvegese (MPE).

La società – spiega il ‘cane a sei zampe’ in una nota – parteciperà a 4 licenze come operatore e a 9 in qualità di partner, in licenze distribuite su tutte e tre le principali province petrolifere della piattaforma continentale norvegese (NCS): Mare del Nord: PL 985 e PL 980 come operatore e PL 987, PL 988, PL 984, PL 978, PL 977; Mar Norvegese: PL 1010, PL 1001, PL 1005, PL 796 B; Mare di Barents: PL 1025 S e PL 229 E come operatore.

Il risultato del APA 2018 è in linea con la strategia di Vår Energi di rafforzare ulteriormente la sua posizione come una delle principali compagnie attive nel NCS. Le nuove licenze ampliano il portafoglio di assets nelle aree attorno ai centri produttivi già operati ed aprono allo stesso tempo nuove opportunità di crescita in altre aree.

“L’assegnazione di queste licenze esplorative rappresenta un ulteriore riconoscimento della nostra capacità di operare in contesti complessi sia dal punto di vista tecnico sia dal punto di vista del rispetto e della tutela ambientale” l’Amministratore Delegato di Eni Claudio Descalzi.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Russia diventa il secondo fornitore di petrolio degli Stati Uniti

Nonostante la grande tensione politica in atto tra i due paesi, nel gennaio 2019, un mese prima dell'entrata in vigore delle sanzioni imposte dal...

Guyana. Il Ministro dell’Energia indeciso nella costruzione di nuove raffinerie

Nonostante la scoperta dei 10 miliardi di barili di petrolio scoperti nel Blocco Stabroek e dalle campagne esplorative in altri blocchi, sono diversi gli...

Bolivia. YPFB sostituirà parte delle importazioni di carburante con etanolo nazionale

La compagnia petrolifera statale boliviana YPFB ha riferito che entro il 2022 sostituirà le importazioni di carburante del 20%, risparmierà valuta estera e genererà...

La produzione petrolifera colombiana tocca 740.000 barili al giorno in ottobre

Il Ministero delle Miniere e dell'Energia della Colombia (Minenergía) ha riferito che la produzione di petrolio in ottobre ha raggiunto una media di 740.000...

OPEC+ conferma la decisione di aumentare la produzione di 400.000 b/g da gennaio

La 23 .ma riunione dell’OPEC e dei Paesi produttori che non fanno parte di questa istituzione, conferma la sua predisposizione di aumentare la produzione...