mercoledì, Aprile 21, 2021

L’ENI PUNTA A ESPANDERSI NELL’OFFSHORE DELL’ALGERIA

Must read

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...

Petrobras cerca operatori internazionali per assegnare la gestione del terminal di rigassificazione Bahia LNG

Procede il processo avviato dalla corporation petrolifera statale brasiliana Petrobras per affidare la gestione del terminal di rigassificazione offshore Bahia LNG. La procedura, partita nella...

L’Eni intende rafforzare la propria presenza in progetti nell’offshore dell’Algeria, mentre per quanto riguarda l’Iran, l’interesse c’è ma per potersi concretizzare dovranno cambiare le condizioni di sviluppo dei campi estrattivi.

E’ quanto ha dichiarato il CEO della corporation italiana Claudio Descalzi durante un incontro svoltosi a Londra, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Reuters.

Parando in generale del mercato internazionale del gas e delle sue prospettive, il numero uno del ‘cane a sei zampe’ ha sostenuto che i vari progetti in corso in questo settore nei Paesi dell‘Est del Mediterraneo, come Egitto, Cipro e Israele, potrebbero aiutare l‘Europa a diversificare le importazioni di gas a seguito del calo della produzione nel Mare del Nord e all‘incremento delle forniture dalla Russia. In particolare l’Egitto – secondo Descalzi – giocherà un ruolo fondamentale nell‘export del gas, grazie alle infrastrutture esistenti, e potrebbe diventare un hub trasferendo 20 miliardi di metri cubi di gas annualmente in pochi anni.

Per quanto riguarda le attività dell’Eni nella regione, l’obbiettivo è quello di espandere la propria presenza in Algeria, specie in ambito offshore, mentre per quanto riguarda eventuali nuove opportunità in Iran, Descalzi ha ribadito che devono essere migliorati i termini di sviluppo dei campi estrattivi, prima che la società sia nuovamente interessata.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...

Petrobras cerca operatori internazionali per assegnare la gestione del terminal di rigassificazione Bahia LNG

Procede il processo avviato dalla corporation petrolifera statale brasiliana Petrobras per affidare la gestione del terminal di rigassificazione offshore Bahia LNG. La procedura, partita nella...

PAROLE DI SCIENZA (a cura di Roberto Vacca) Il degrado culturale corrompe il nostro pensare

Se eri considerato una persona colta vari decenni fa , e anche se hai provato ad aggiornarti, ti senti come lo scemo del villaggio...