venerdì, Settembre 17, 2021

L’ENI SI ALLEA CON ADNOC PER UN MEGA PROGETTO OFFSHORE AD ABU DHABI

Must read

Costi del gas in aumento e corsa alla transizione ecologica – le posizioni del Premier Draghi e del Ministro Cingolani

Decarbonizzazione e transizione alle energie rinnovabili. Ospite al quindicesimo forum economico italo-tedesco “Ripartiamo con l’Italia”, svoltosi di recente a Cernobbio, il Presidente del Consiglio Mario...

Edison e Snam insieme a Saipem e Alboran per il Progetto Green Hydrogen Valley in Puglia

Edison e Snam hanno firmato un Memorandum of Understanding (MoU) insieme a Saipem e Alboran Hydrogen, che già avevano sottoscritto un accordo di collaborazione lo...

Messico. Il presidente Lopez Obrador vuole promulgare la nuova legge della riforma energetica

Andrés Manuel López Obrador, presidente del Messico, ha annunciato che la riforma costituzionale in materia energetica sarà consegnata alla Camera dei Deputati entro la...

Stati Uniti. La IEA prevede che la domanda globale di petrolio aumenterà di 5 milioni di barili nel 2021

In base all’ultimo rapporto pubblicato dall'Agenzia Internazionale per l'energia (IEA), la domanda mondiale di petrolio dovrebbe recuperare di 1,6 milioni di barili al giorno...

L’Eni consolida ulteriormente la sua presenza negli emirati arabi, entrando a far parte di un mega progetto a gas situato nell’offshore di Abu Dhabi.

Il CEO del ‘cane a sei zampe’ Claudio Descalzi ha firmato con Sultan Ahmed Al Jaber, Ministro di Stato degli Emirati Arabi Uniti e Amministratore Delegato della società di stato Abu Dhabi National Oil Company (ADNOC) un accordo per l’assegnazione a Eni di una quota del 25% nella concessione denominata Ghasha, per la durata di 40 anni. La concessione consiste nei giacimenti Hail, Ghasha, Dalma e in altri campi offshore situati nella regione di Al Dhafra.

I tre giacimento – spiega la corporation italiana in una nota – attingeranno alle risorse del bacino arabo, che si stima contenga diversi trilioni di piedi cubi standard di gas recuperabile. Il progetto produrrà più di 1,5 miliardi di piedi cubi di gas al giorno con avvio previsto verso la metà del prossimo decennio. Il gas prodotto dai giacimenti di Hail, Ghasha e Dalma potrebbe soddisfare oltre il 20% della domanda di gas degli Emirati Arabi Uniti. Una volta completato, il progetto produrrà anche oltre 120.000 barili al giorno di olio e condensati di alto valore.

L’AD di ADNOC, Sultan Ahmed Al Jaber, ha dichiarato: “ADNOC è impegnata a garantire una fornitura di gas stabile ed economica agli Emirati Arabi, questa è una componente fondamentale della nostra strategia al 2030. Lo sviluppo delle nostre risorse di gas Hail, Ghasha e Dalma, a tariffe commerciali, darà un contributo significativo al raggiungimento di questo fondamentale obiettivo strategico e anticiperà il giorno in cui gli Emirati Arabi non solo saranno autosufficienti, ma anche esportatori di gas. L’esperienza portata da Eni nello sviluppo darà una un supporto fondamentale alla produzione accelerata di questi giacimenti. Allo stesso tempo consentirà l’ulteriore ottimizzazione dei costi e ci assicurerà di estrarre il massimo valore dalle nostre risorse di gas. Infine ci permette di continuare a collaborare con chi condivide i nostri valori e contribuisce alla nostra strategia di crescita”.

L’AD di Eni, Claudio Descalzi, ha commentato: “Stiamo perseguendo una strategia di crescita in Medio Oriente e la firma di oggi, assieme agli accordi firmati con ADNOC lo scorso marzo, è un’ulteriore conferma della nostra volontà di radicare la nostra presenza ad Abu Dhabi. Questa operazione è inoltre un’ulteriore prova della forte alleanza con un partner così importante come ADNOC e la dimostrazione della loro fiducia nel nostro modello upstream, riconosciuto a livello mondiale, basato sull’integrazione dell’esplorazione e dello sviluppo. Questo modello ci ha permesso di raggiungere risultati straordinari negli ultimi anni, sia nell’esplorazione sia nello sviluppo delle nostre scoperte con un time-to-market da record”.

A marzo scorso, l’Eni aveva acquisito da ADNOC una quota del 10% nella concessione di Umm Shaif e Nasr e una quota del 5% nella concessione di Lower Zakum. Era la prima volta che un’azienda energetica italiana entrava in concessioni petrolifere a Abu Dhabi.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Costi del gas in aumento e corsa alla transizione ecologica – le posizioni del Premier Draghi e del Ministro Cingolani

Decarbonizzazione e transizione alle energie rinnovabili. Ospite al quindicesimo forum economico italo-tedesco “Ripartiamo con l’Italia”, svoltosi di recente a Cernobbio, il Presidente del Consiglio Mario...

Edison e Snam insieme a Saipem e Alboran per il Progetto Green Hydrogen Valley in Puglia

Edison e Snam hanno firmato un Memorandum of Understanding (MoU) insieme a Saipem e Alboran Hydrogen, che già avevano sottoscritto un accordo di collaborazione lo...

Messico. Il presidente Lopez Obrador vuole promulgare la nuova legge della riforma energetica

Andrés Manuel López Obrador, presidente del Messico, ha annunciato che la riforma costituzionale in materia energetica sarà consegnata alla Camera dei Deputati entro la...

Stati Uniti. La IEA prevede che la domanda globale di petrolio aumenterà di 5 milioni di barili nel 2021

In base all’ultimo rapporto pubblicato dall'Agenzia Internazionale per l'energia (IEA), la domanda mondiale di petrolio dovrebbe recuperare di 1,6 milioni di barili al giorno...

Eni e Aeroporti di Roma collaborano per la decarbonizzazione del settore aereo

Eletto come miglior scalo in Europa e primo polo aeroportuale italiano negli ultimi tre anni, Aeroporti di Roma ha recentemente annunciato di aver firmato...