mercoledì, Agosto 4, 2021

LIBIA: NOC COSTRETTA A SOPSENDERE LE ATTIVITA’ DELLA PRINCIPALE RAFFINERIA DEL PAESE

Must read

Il 56% delle attività a rischio di Repsol si trovano in Venezuela

La compagnia petrolifera spagnola Repsol ha presentato i suoi risultati finanziari del primo semestre 2021, in cui indica che i loro asset esposti a...

Snam – I gasdotti potranno trasportare in futuro l’idrogeno prodotto dalle rinnovabili

“Domani avremo idrogeno prodotto in Nord Africa, nel Mare del Nord, con risorse solari ed eoliche e quell’idrogeno può viaggiare attraverso il sistema esistente...

Iniziano i lavori di produzione presso il pozzo East Cendor, in Malesia

A 140 chilometri dalle coste della Penisola Malese, sono stati avviati da Petrofac Malaysia Ltd. i lavori presso il pozzo East Cendor, che diventa...

Consorzio Libra e Shell Brazil – via libera alla FPSO Mero-4 nel offshore del Brasile

Il Consorzio Libra, gestito dalla brasiliana Petrobras, ha annunciato di aver raggiunto l’accordo con Shell Brasil Petroleo (Shell Brasil) per la fornitura della nave...

La National Oil Corporation (NOC) libica è stata costretta a interrompere le attività della principale raffineria del Paese, situata ad Azzawiya e gestita dalla società controllata Azzawiya Oil Refining Company.

E’ stata proprio quest’ultima, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Reuters, ad annunciare l’impossibilità di proseguire le operazioni, a causa della mancanza di forniture di petrolio e all’inesistenza di scorte.

Secondo fonti dell’agenzia, ad Azzawiya sarebbero state fermate entrambe le unità di raffinazione dell’impianto, che hanno una capacità nominale di 60.000 barili al giorno ciascuna.

Un altro duro colpo all’industria petrolifera della Libia, il cui output è crollato velocemente dopo lo scorso 18 gennaio, quando le milizie fedeli al comandante Haftar avevano bloccato i porti di export della regione e molti dei principali giacimenti petroliferi.

In conseguenza di questo blocco, la produzione nazionale è passata da 1,2 milioni di barili al giorno ad appena 180.000 barili al giorno. Una situazione che, secondo NOC, ha già causato perdite economia superiori al miliardi di dollari.

La diplomazie dei due governi provvisori libici, in lotta fra loro per il controllo del territorio, sarebbero al lavoro per tentare di risolvere la situazione e superare il blocco, ma per il momento nessun accordo sembra essere sul tavolo.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il 56% delle attività a rischio di Repsol si trovano in Venezuela

La compagnia petrolifera spagnola Repsol ha presentato i suoi risultati finanziari del primo semestre 2021, in cui indica che i loro asset esposti a...

Snam – I gasdotti potranno trasportare in futuro l’idrogeno prodotto dalle rinnovabili

“Domani avremo idrogeno prodotto in Nord Africa, nel Mare del Nord, con risorse solari ed eoliche e quell’idrogeno può viaggiare attraverso il sistema esistente...

Iniziano i lavori di produzione presso il pozzo East Cendor, in Malesia

A 140 chilometri dalle coste della Penisola Malese, sono stati avviati da Petrofac Malaysia Ltd. i lavori presso il pozzo East Cendor, che diventa...

Consorzio Libra e Shell Brazil – via libera alla FPSO Mero-4 nel offshore del Brasile

Il Consorzio Libra, gestito dalla brasiliana Petrobras, ha annunciato di aver raggiunto l’accordo con Shell Brasil Petroleo (Shell Brasil) per la fornitura della nave...

Vard Group consegna la prima nave da crociera per destinazioni polari a GNL

Vard Group, compagnia controllata da Fincantieri e uno dei leader mondiali nella progettazione di navi per il mercato offshore, ha annunciato di aver consegnato...