mercoledì, Marzo 3, 2021

LIBIA: NOC COSTRETTA A SOPSENDERE LE ATTIVITA’ DELLA PRINCIPALE RAFFINERIA DEL PAESE

Must read

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

La National Oil Corporation (NOC) libica è stata costretta a interrompere le attività della principale raffineria del Paese, situata ad Azzawiya e gestita dalla società controllata Azzawiya Oil Refining Company.

E’ stata proprio quest’ultima, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Reuters, ad annunciare l’impossibilità di proseguire le operazioni, a causa della mancanza di forniture di petrolio e all’inesistenza di scorte.

Secondo fonti dell’agenzia, ad Azzawiya sarebbero state fermate entrambe le unità di raffinazione dell’impianto, che hanno una capacità nominale di 60.000 barili al giorno ciascuna.

Un altro duro colpo all’industria petrolifera della Libia, il cui output è crollato velocemente dopo lo scorso 18 gennaio, quando le milizie fedeli al comandante Haftar avevano bloccato i porti di export della regione e molti dei principali giacimenti petroliferi.

In conseguenza di questo blocco, la produzione nazionale è passata da 1,2 milioni di barili al giorno ad appena 180.000 barili al giorno. Una situazione che, secondo NOC, ha già causato perdite economia superiori al miliardi di dollari.

La diplomazie dei due governi provvisori libici, in lotta fra loro per il controllo del territorio, sarebbero al lavoro per tentare di risolvere la situazione e superare il blocco, ma per il momento nessun accordo sembra essere sul tavolo.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Nuove date per l’OMC 2021, che si svolgerà a Ravenna dal 28 al 30 settembre

La 15esima edizione della fiera OMC (Offshore Mediterranean Conference) di Ravenna non si svolgerà a maggio, come inizialmente previsto, ma dal 28 al 30...