giovedì, Maggio 19, 2022

DA BRUXELLES VIA LIBERA AL CONTROLLO CONGIUNTO DI SNAM E FIRST STATE INVESTMENTS SU OLT OFFSHORE

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

E’ arrivato l’atteso via libera da parte della Commissione Europea riguardo l’acquisizione del controllo congiunto di OLT Offshore LNG Toscana (OLT) – la società che gestisce la FSRU Toscana, impianto galleggiante ormeggiato al largo delle coste livornesi e meglio noto come “rigassificatore di Livorno” – da parte di Snam e del fondo d’investimenti australiano First State Investments International.

Secondo Bruxelles – si legge infatti nel comunicato ufficiale diramato dalla Commissione – “l’operazione non solleva preoccupazioni riguardo eventuali restrizioni della concorrenza, poiché le due compagnie non sono competitor sul mercato dove si sviluppano le rispettive attività e, inoltre, sono in vigore regolazioni del settore specifico per evitare effetti anti-competitivi derivanti dalla transazione”.

First State aveva formalizzato nel maggio dello scorso anno l’acquisizione del 48,24% di OLT detenuto fino a quel momento dal gruppo energetico tedesco Uniper, mentre è del settembre successivo l’accordo tra Snam e Iren che prevedeva il passaggio al gruppo statale guidato da Marco Alverà del 49,07% di OLT controllato dalla multi-utilty

Con il via libera definitivo dell’Unione Europea, Snam e First State hanno ora il controllo congiunto della società che gestisce il rigassificatore livornese, il cui 2,69% resta nel portafoglio di partecipazioni della compagnia Golar LNG, armatore specializzato nell’esercizio di navi gasiere.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...