giovedì, Maggio 13, 2021

DA BRUXELLES VIA LIBERA AL CONTROLLO CONGIUNTO DI SNAM E FIRST STATE INVESTMENTS SU OLT OFFSHORE

Must read

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

E’ arrivato l’atteso via libera da parte della Commissione Europea riguardo l’acquisizione del controllo congiunto di OLT Offshore LNG Toscana (OLT) – la società che gestisce la FSRU Toscana, impianto galleggiante ormeggiato al largo delle coste livornesi e meglio noto come “rigassificatore di Livorno” – da parte di Snam e del fondo d’investimenti australiano First State Investments International.

Secondo Bruxelles – si legge infatti nel comunicato ufficiale diramato dalla Commissione – “l’operazione non solleva preoccupazioni riguardo eventuali restrizioni della concorrenza, poiché le due compagnie non sono competitor sul mercato dove si sviluppano le rispettive attività e, inoltre, sono in vigore regolazioni del settore specifico per evitare effetti anti-competitivi derivanti dalla transazione”.

First State aveva formalizzato nel maggio dello scorso anno l’acquisizione del 48,24% di OLT detenuto fino a quel momento dal gruppo energetico tedesco Uniper, mentre è del settembre successivo l’accordo tra Snam e Iren che prevedeva il passaggio al gruppo statale guidato da Marco Alverà del 49,07% di OLT controllato dalla multi-utilty

Con il via libera definitivo dell’Unione Europea, Snam e First State hanno ora il controllo congiunto della società che gestisce il rigassificatore livornese, il cui 2,69% resta nel portafoglio di partecipazioni della compagnia Golar LNG, armatore specializzato nell’esercizio di navi gasiere.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Perù: riprende la produzione di petrolio nella zona settentrionale

Il Blocco 67, situato nella località di Loreto, ha ripreso le sue attività dopo un anno di paralisi a causa dei bassi prezzi del...