sabato, Aprile 13, 2024

L’importanza delle reti del gas nel processo di decarbonizzazione dell’economia europea, secondo Pier Lorenzo Dell’Orco di Italgas

Must read

Novità al vertice: Maurizio Coratella è il nuovo Vicepresidente di McDermott

Maurizio Coratella, aresino classe 1965, è stato nominato Vicepresidente esecutivo e Direttore operativo di McDermott International Ltd, presso cui presterà servizio a partire dal...

Nuova scoperta di Petrobras in acque profonde

Nel bacino del Potiguar, a circa 190 chilometri da Fortaleza, in Brasile, Petrobras ha scoperto un accumulo di petrolio in acque ultra profonde a...

Pichetto Fratin: “Gas indispensabile fino al 2050”

Nel corso di un'intervista rilasciata dal Ministro dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica Gilberto Pichetto Fratin a Simone Spetia e andata in onda durante la...

TotalEnergies si espande in Texas

La multinazionale francese TotalEnergies ha acquisito il 20% della partecipazione al progetto Dorado nell'ambito del giacimento di gas naturale Eagle Ford, in Texas, detenuto...

Durante il convegno “Sviluppo sostenibile & Circular economy” organizzato dalla Regione Lombardia, l’Amministratore delegato di Italgas Reti, Pier Lorenzo Dell’Orco, si è soffermato sull’importanza strategica delle reti del gas che, trasportando e distribuendo i gas del futuro, come l’idrogeno e il biometano, ricopriranno un ruolo fondamentale nel processo di decarbonizzazione dell’economia europea.

Oggi l’Italia, ma anche l’Europa, hanno una rete di distribuzione molto capillare e quindi fruibile dai nuovi gas. Il vero tema e che è una rete pensata per distribuire una sola tipologia di gas, il gas naturale, che viene consegnato dal trasportatore nazionale in pochi punti in quantità nota e con specifiche precise”, ha dichiarato Dell’Orco, soffermandosi poi sul ruolo di Italgas Reti, “Si tratta di “un lavoro semplice, statico, analogico” che dovrà lasciare il posto “a una configurazione” della rete “in cui oltre al gas naturale, ci saranno vari punti di immissione di nuovi gas, come biometano, idrogeno verde, miscele di questi gas e servirà un distributore bravo a monitorare cosa scorre nelle reti, in qualità e quantità”. Si tratta di passare “da una rete analogica a una rete digitalizzata dove il gestore è in grado di controllare in tempo reale e comandare e intervenire a distanza” e “Italgas si appresta a fare questo quest’anno e l’anno prossimo per arrivare nel 2022 per avere la prima rete remotizzata e digitalizzata“.

In conclusione, secondo il parere dell’AD di Italgas, energie rinnovabili come il biometano sono già ora un’opzione valida, che vedrà un forte incremento nei prossimi 10 anni; per quanto riguarda l’idrogeno verde invece, questo potrà diventare una valida alternativa solo tra una decina di anni, causa le due “barriere di costo”, rappresentate dal costo dell’energia elettrica rinnovabile e degli elettrolizzatori.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Novità al vertice: Maurizio Coratella è il nuovo Vicepresidente di McDermott

Maurizio Coratella, aresino classe 1965, è stato nominato Vicepresidente esecutivo e Direttore operativo di McDermott International Ltd, presso cui presterà servizio a partire dal...

Nuova scoperta di Petrobras in acque profonde

Nel bacino del Potiguar, a circa 190 chilometri da Fortaleza, in Brasile, Petrobras ha scoperto un accumulo di petrolio in acque ultra profonde a...

Pichetto Fratin: “Gas indispensabile fino al 2050”

Nel corso di un'intervista rilasciata dal Ministro dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica Gilberto Pichetto Fratin a Simone Spetia e andata in onda durante la...

TotalEnergies si espande in Texas

La multinazionale francese TotalEnergies ha acquisito il 20% della partecipazione al progetto Dorado nell'ambito del giacimento di gas naturale Eagle Ford, in Texas, detenuto...

McDermott firma un grosso contratto in Malesia

A distanza di 14 anni dal primo progetto malese, McDermott ottiene un nuovo contratto, dal valore compreso tra 1 e 50 milioni di dollari,...