martedì, Maggio 17, 2022

L’IRAQ TRATTA CON ENI E BP PER COSTRUIRE DUE NUOVI OLEODOTTI SOTTOMARINI

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

L’Eni e BP sarebbero in trattative avanzate con il Governo di Baghdad per la realizzazione di due pipeline sottomarine dedicate all’export di petrolio, nel sud dell’Iraq.

A riportarlo, nei giorni scorsi, è stata l’agenzia Reuters, che – citando 5 dirigenti pubblici iracheni attivi nel settore, rimasti anonimi – ha riferito di un contratto in ballo del valore di circa 400 milioni di dollari.

Trattative che poi sono state effettivamente confermate dal ministero iracheno del petrolio, che però ha parzialmente smentito le ricostruzioni dell’agenzia di stampa britannica.

La Reuters scriveva infatti che proprio i due oleodotti offshore, oggetto delle trattative con le major italiana e inglese, erano originariamente parte di un maxi-progetto allo studio con ExxonMobil: la corporation americana avrebbe dovuto avviare il progetto, economicamente quantificato in circa 53 miliardi di dollari, già all’inizio di quest’anno, salvo poi prendere tempo a causa di una serie di ostacoli nella definizione degli aspetti contrattuali con Baghdad e dell’inasprimento dei rapporti tra Washington e il vicino Iran.

Per questo, secondo la Reuters, il Governo iracheno avrebbe iniziato a guardarsi intorno e a ‘frammentare’ il progetto originario di Exxon, appaltando almeno alcune porzioni a terze parti. Strategia che si sarebbe concretizzata già lo scorso giugno, quando proprio da Baghdad era stata ufficialmente annunciata l’assegnazione al costruttore sudcoreano Hyundai Engineering & Construction di un contratto da 2,4 miliardi di dollari per la realizzazione di un impianto di iniezione dell’acqua marina, anch’esso originariamente parte del progetto della major americana. Strategia che ora proseguirebbe tramite le trattive in corso con Eni e BP.

“Non possiamo aspettare Exxon in eterno. Abbiamo seri problemi con i nostri attuali oleodotti sottomarini e urgente bisogno di trovare partner che ci aiutino a costruire una nuova pipeline. Ulteriori ritardi potrebbero seriamente danneggiare la nostra capacità di esportazione petrolifera” ha dichiarato alla Reuters un dirigente del settore petrolifero iracheno, che ha preferito rimanere anonimo.

Scenario tuttavia smentito direttamente dal Governo iracheno, che in una nota diramata dal ministero del petrolio (e riportata dalla stessa Reuters) conferma le trattative con Eni e BP, precisando però che il loro oggetto è relativo esclusivamente alla costruzione di due pipeline sottomarine, le quali non facevano parte dell’originario progetto allo studio da ExxonMobil.

Con la corporation americana, infatti, il dialogo è tuttora in corso riguardo un deal di ben più ampia portata, coinvolgendo – ricorda Baghdad – diversi aspetti, come lo sviluppo di nuovi giacimenti, l’espansione delle strutture per lo stoccaggio, il trasporto e la realizzazione di impianti per il trattamento del gas.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...