mercoledì, Maggio 25, 2022

Messico. Pemex riduce del 30% la sua aspettativa nel mega campo di Ek Balam

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

La Commissione Nazionale Idrocarburi (CNH) ha approvato una modifica al piano di sviluppo di Petróleos Mexicanos (Pemex) per quanto riguarda il contratto Ek Balam, considerato il più grande giacimento di petrolio nel paese, con il quale, al posto dei 334 milioni di barili previsti fino al 2021, ne produrrà 234 milioni di barili di greggio entro il 2039, vale a dire il 30% in meno.

Nella nuova sessione straordinaria, il consiglio di amministrazione della CNH ha spiegato che l’obiettivo della modifica del piano di sviluppo è giustificato dalla variazione negativa del volume di idrocarburi prodotto.

Lo scopo del Piano 2022 – 2039, prevede di recuperare un volume di 234 milioni di barili di petrolio e 56 miliardi di piedi cubi di gas durante la vita del contratto. Per ottenere questi risultati tuttavia Pemex dovrà perforare otto pozzi aggiuntivi, completare 11 pozzi esistenti, effettuare otto riparazioni importanti a pozzi in esercizio, 540 riparazioni minori, la costruzione di nove gasdotti e l’aggiunta di una struttura offshore per l’estrazione di idrocarburi.

OilGasNews vi invita alla seconda edizione di PIPELINE & GAS EXPO, la prima mostra-convegno Italiana dedicata interamente ai settori del mid-stream e delle reti distributive GAS, OIL & WATER. A Piacenza Expo, dal 8 al 10 Giugno 2022.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...