domenica, Maggio 19, 2024

Messico. Pemex riduce del 30% la sua aspettativa nel mega campo di Ek Balam

Must read

Fabio Belli è vicepresidente esecutivo e COO di Kerry Project Logistics

Nuovo incarico di assoluto prestigio per Fabio Belli, dopo la conclusione dell’esperienza in Fagioli come CEO della società. L’approdo di oggi è in Kerry Project Logistics...

Scambio di asset tra Equinor e Petoro

Equinor e Petoro, società interamente controllata dal governo norvegese, hanno stipulato un accordo per lo scambio di asset a valore neutro nell'area di Haltenbanken. “Abbiamo...

Rosetti Marino ottiene un contratto FEED da INEOS E&P

L'azienda ravennate Rosetti Marino, che si occupa di fornire servizi di ingegneria e costruzione a vari settori industriali, si è aggiudicata dalla danese INEOS...

BP concede una boccata d’aria ai bilanci azeri

BP, colosso petrolifero britannico, ha annunciato di aver avviato la produzione di petrolio e gas nella nuova piattaforma petrolifera costruita nel giacimento Azeri-Chirag-Deepwater Gunashli...

La Commissione Nazionale Idrocarburi (CNH) ha approvato una modifica al piano di sviluppo di Petróleos Mexicanos (Pemex) per quanto riguarda il contratto Ek Balam, considerato il più grande giacimento di petrolio nel paese, con il quale, al posto dei 334 milioni di barili previsti fino al 2021, ne produrrà 234 milioni di barili di greggio entro il 2039, vale a dire il 30% in meno.

Nella nuova sessione straordinaria, il consiglio di amministrazione della CNH ha spiegato che l’obiettivo della modifica del piano di sviluppo è giustificato dalla variazione negativa del volume di idrocarburi prodotto.

Lo scopo del Piano 2022 – 2039, prevede di recuperare un volume di 234 milioni di barili di petrolio e 56 miliardi di piedi cubi di gas durante la vita del contratto. Per ottenere questi risultati tuttavia Pemex dovrà perforare otto pozzi aggiuntivi, completare 11 pozzi esistenti, effettuare otto riparazioni importanti a pozzi in esercizio, 540 riparazioni minori, la costruzione di nove gasdotti e l’aggiunta di una struttura offshore per l’estrazione di idrocarburi.

OilGasNews vi invita alla seconda edizione di PIPELINE & GAS EXPO, la prima mostra-convegno Italiana dedicata interamente ai settori del mid-stream e delle reti distributive GAS, OIL & WATER. A Piacenza Expo, dal 8 al 10 Giugno 2022.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Fabio Belli è vicepresidente esecutivo e COO di Kerry Project Logistics

Nuovo incarico di assoluto prestigio per Fabio Belli, dopo la conclusione dell’esperienza in Fagioli come CEO della società. L’approdo di oggi è in Kerry Project Logistics...

Scambio di asset tra Equinor e Petoro

Equinor e Petoro, società interamente controllata dal governo norvegese, hanno stipulato un accordo per lo scambio di asset a valore neutro nell'area di Haltenbanken. “Abbiamo...

Rosetti Marino ottiene un contratto FEED da INEOS E&P

L'azienda ravennate Rosetti Marino, che si occupa di fornire servizi di ingegneria e costruzione a vari settori industriali, si è aggiudicata dalla danese INEOS...

BP concede una boccata d’aria ai bilanci azeri

BP, colosso petrolifero britannico, ha annunciato di aver avviato la produzione di petrolio e gas nella nuova piattaforma petrolifera costruita nel giacimento Azeri-Chirag-Deepwater Gunashli...

Vard (Fincantieri) costruirà una Ocean Energy Construction Vessel a propulsione ibrida per Island Offshore

Vard, controllata di Fincantieri, ha siglato un accordo con Island Offshore, armatore norvegese che opera nel mercato Oil & Gas e delle rinnovabili, per la progettazione e costruzione di...