sabato, Febbraio 4, 2023

MOZAMBICO: TOTAL SI AFFIDA AL GOVERNO PER PROTEGGERE I SUOI ASSET DALLA MINACCIA TERRORISTICA

Must read

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Con la situazione che si fa sempre più tesa a causa degli scontri tra miliziani islamici ed esercito regolare, Total ha deciso di rivolgersi direttamente al Governo del Mozambico per ottenere maggiori rassicurazioni circa gli sforzi che saranno fatti a protezione dei suo ingentissimi interessi economici nel Paese africano.

Nei giorni scorsi, la major francese e l’esecutivo locale hanno infatti firmato un ‘patto di sicurezza’ per proteggere il maxi progetto a GNL, del valore di oltre 20 miliardi di dollari, che l’azienda transalpina sta portando avanti nell’ex colonia portoghese.

La minaccia, da cui Total ha chiesto maggiore protezione, è costituita da un gruppo di miliziani, probabilmente legato allo Stato Islamico, che da settimane tiene impegnate le forze governative e la cui attività insurrezionale ha già causato diversi danni all’industria oil&gas nazionale.

A inizio agosto, infatti, i ribelli hanno preso il controllo del porto di Mocimboa da Praia, scalo utilizzato principalmente per la movimentazione della componentistica e degli equipaggiamenti necessari proprio allo sfruttamento delle risorse di gas offshore (tra cui quelle affidate in concessione a Total), che da quel momento si è di fatto interrotta impedento la regolare prosecuzione delle attività in tutta la regione.

La major d’Oltralpe, in Mozambico, sta lavorando ad una maxi operazione multimiliardaria, che prevede lo sviluppo dei due giacimenti di gas Golfinho e Atum, situati nella concessione Offshore Area 1 e dotati di riserve stimate in oltre 60 trilioni di piedi cubi di gas (Tcf), e la costruzione di un impianto di liquefazione con una capacità di 13,1 milioni di tonnellate all’anno, che dovrebbe entrare in funzione nel corso del 2024.

Questo accordo rafforza ulteriormente le misure di sicurezza per creare un ambiente operativo sicuro per partner come Total e consentire quindi la prosecuzione degli investimenti nello sviluppo dell’industria del Mozambico” ha dichiarato Ernesto Elias Tonela, ministro delle risorse minerali e dell’energia del Paese africano.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...