sabato, Febbraio 27, 2021

NUOVO GASDOTTO RUSSIA-TURCHIA IN FUNZIONE ENTRO IL 2016

Must read

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Nuove date per l’OMC 2021, che si svolgerà a Ravenna dal 28 al 30 settembre

La 15esima edizione della fiera OMC (Offshore Mediterranean Conference) di Ravenna non si svolgerà a maggio, come inizialmente previsto, ma dal 28 al 30...

Shell lancia anche in Italia la sua gamma di lubrificanti ‘carbon neutral’

Shell ha annunciato oggi il lancio della gamma di lubrificanti Carbon Neutral, ovvero a impatto zero di CO2e, disponibile in Italia e nei principali...

Il nuovo gasdotto che collegherà la Russia alla Turchia attraverso il Mar Nero passerà per 660 chilometri attraverso il vecchio corridoio di South Stream e per altri 250 chilometri attraverso un nuovo corridoio in direzione della parte europea della Turchia. E’ quanto è stato stabilito oggi al termine di un incontro di lavoro a Ankara tra il presidente di Gazprom, Alexei Miller e il ministro dell’Energia turco, Taner Yildiz. La costruzione del nuovo gasdotto, che avrà una capacità totale di 63 miliardi di metri cubi l’anno, è stata decisa dopo che la Russia ha annunciato l’abbandono del progetto South Stream. Gazprom sarà incaricato della parte sottomarina del progetto mentre le installazioni del trasporto di gas sul territorio turco saranno realizzati dal colosso russo e dalla turca Botas. Entro una settimana, si legge nella nota, “Gazprom e Botas prepareranno il calendario dei lavori”. Il nuovo gasdotto dovrebbe entrare in servizio a fine 2016.  La riunione, commenta Miller, “si è svolta in un clima molto costruttivo e amichevole”. I compiti prioritari, aggiunge, “sono l’analisi delle opzioni di percorso sul territorio turco; definire il punto di uscita del metanodotto, definire il punto di consegna del gas per i consumatori turchi e il punto di intersezione del gasdotto sul confine turco-greco. Abbiamo deciso di organizzare il lavoro in modo di riuscire a firmare un accordo intergovernativo nel secondo trimestre di quest’anno e iniziare la fornitura di gas in Turchia entro dicembre 2016”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Nuove date per l’OMC 2021, che si svolgerà a Ravenna dal 28 al 30 settembre

La 15esima edizione della fiera OMC (Offshore Mediterranean Conference) di Ravenna non si svolgerà a maggio, come inizialmente previsto, ma dal 28 al 30...

Shell lancia anche in Italia la sua gamma di lubrificanti ‘carbon neutral’

Shell ha annunciato oggi il lancio della gamma di lubrificanti Carbon Neutral, ovvero a impatto zero di CO2e, disponibile in Italia e nei principali...

Saipem ottiene una maxi-commessa per un progetto di gas offshore in Qatar

Saipem ha messo a segno un ‘colpo’ di notevole entità in Qatar, dove ha ottenuto dalla compagnia statale Qatargas un contratto da ben 1,7...