venerdì, Dicembre 3, 2021

NUOVO GASDOTTO RUSSIA-TURCHIA IN FUNZIONE ENTRO IL 2016

Must read

La Guyana è diventato il sesto fornitore di petrolio degli Stati Uniti

Nel report mensile dell'Energy Information Administration (EIA) si conferma che la Guyana è diventato il sesto fornitore di idrocarburi del paese con 176.000 barili...

Ecopetrol e Shell perforeranno assieme nei Caraibi

In un comunicato stampa congiunto Ecopetrol e Shell, hanno fatto sapere che stanno conducendo studi per determinare gli investimenti necessari per perforare il primo...

Messico. Nessuna nuova concessione per lo sfruttamento petrolifero

Durante la sua conferenza stampa mattutina, il presidente del Messico Andrés Manuel López Obrador, ha affermato che fino alla fine della sua amministrazione non...

Messico. Le esportazioni di petrolio verso gli Stati Uniti sono aumentate del 15%

Secondo il report di settembre della Energy Information Administration (EIA), in settembre il Messico ha esportato 814.000 barili di petrolio al giorno negli Stati...

Il nuovo gasdotto che collegherà la Russia alla Turchia attraverso il Mar Nero passerà per 660 chilometri attraverso il vecchio corridoio di South Stream e per altri 250 chilometri attraverso un nuovo corridoio in direzione della parte europea della Turchia. E’ quanto è stato stabilito oggi al termine di un incontro di lavoro a Ankara tra il presidente di Gazprom, Alexei Miller e il ministro dell’Energia turco, Taner Yildiz. La costruzione del nuovo gasdotto, che avrà una capacità totale di 63 miliardi di metri cubi l’anno, è stata decisa dopo che la Russia ha annunciato l’abbandono del progetto South Stream. Gazprom sarà incaricato della parte sottomarina del progetto mentre le installazioni del trasporto di gas sul territorio turco saranno realizzati dal colosso russo e dalla turca Botas. Entro una settimana, si legge nella nota, “Gazprom e Botas prepareranno il calendario dei lavori”. Il nuovo gasdotto dovrebbe entrare in servizio a fine 2016.  La riunione, commenta Miller, “si è svolta in un clima molto costruttivo e amichevole”. I compiti prioritari, aggiunge, “sono l’analisi delle opzioni di percorso sul territorio turco; definire il punto di uscita del metanodotto, definire il punto di consegna del gas per i consumatori turchi e il punto di intersezione del gasdotto sul confine turco-greco. Abbiamo deciso di organizzare il lavoro in modo di riuscire a firmare un accordo intergovernativo nel secondo trimestre di quest’anno e iniziare la fornitura di gas in Turchia entro dicembre 2016”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

La Guyana è diventato il sesto fornitore di petrolio degli Stati Uniti

Nel report mensile dell'Energy Information Administration (EIA) si conferma che la Guyana è diventato il sesto fornitore di idrocarburi del paese con 176.000 barili...

Ecopetrol e Shell perforeranno assieme nei Caraibi

In un comunicato stampa congiunto Ecopetrol e Shell, hanno fatto sapere che stanno conducendo studi per determinare gli investimenti necessari per perforare il primo...

Messico. Nessuna nuova concessione per lo sfruttamento petrolifero

Durante la sua conferenza stampa mattutina, il presidente del Messico Andrés Manuel López Obrador, ha affermato che fino alla fine della sua amministrazione non...

Messico. Le esportazioni di petrolio verso gli Stati Uniti sono aumentate del 15%

Secondo il report di settembre della Energy Information Administration (EIA), in settembre il Messico ha esportato 814.000 barili di petrolio al giorno negli Stati...

Petrobras aumenterà gli investimenti del 25% fino al 2026

La compagnia petrolifera brasiliana Petrobras ha riferito che per il quinquennio 2022-2026 il Consiglio di Amministrazione della società ha approvato un aumento degli investimenti...