domenica, Settembre 25, 2022

NUOVO GASDOTTO RUSSIA-TURCHIA IN FUNZIONE ENTRO IL 2016

Must read

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

ExxonMobil scopre nuove riserve di petrolio

Il quinto progetto nel blocco Stabroek condotto dalla compagnia ExxonMobil, prende di mira i tre grandi giacimenti di Uaru, Mako e Snoek. Il pozzo Snoek-1...

Petrobras conclude la vendita dei giacimenti di Ceará

La compagnia petrolifera statale Petrobras, ha affermato in un comunicato di aver concluso la vendita di tutte le sue partecipazioni nei giacimenti onshore di...

Talos Energy e Pemex lavorano a un piano per sviluppare il campo offshore di Zama

La compagnia petrolifera statunitense Talos Energy ha riferito in un rapporto alla Security Exchange Commission che sta lavorando fianco a fianco con Pemex per...

Il nuovo gasdotto che collegherà la Russia alla Turchia attraverso il Mar Nero passerà per 660 chilometri attraverso il vecchio corridoio di South Stream e per altri 250 chilometri attraverso un nuovo corridoio in direzione della parte europea della Turchia. E’ quanto è stato stabilito oggi al termine di un incontro di lavoro a Ankara tra il presidente di Gazprom, Alexei Miller e il ministro dell’Energia turco, Taner Yildiz. La costruzione del nuovo gasdotto, che avrà una capacità totale di 63 miliardi di metri cubi l’anno, è stata decisa dopo che la Russia ha annunciato l’abbandono del progetto South Stream. Gazprom sarà incaricato della parte sottomarina del progetto mentre le installazioni del trasporto di gas sul territorio turco saranno realizzati dal colosso russo e dalla turca Botas. Entro una settimana, si legge nella nota, “Gazprom e Botas prepareranno il calendario dei lavori”. Il nuovo gasdotto dovrebbe entrare in servizio a fine 2016.  La riunione, commenta Miller, “si è svolta in un clima molto costruttivo e amichevole”. I compiti prioritari, aggiunge, “sono l’analisi delle opzioni di percorso sul territorio turco; definire il punto di uscita del metanodotto, definire il punto di consegna del gas per i consumatori turchi e il punto di intersezione del gasdotto sul confine turco-greco. Abbiamo deciso di organizzare il lavoro in modo di riuscire a firmare un accordo intergovernativo nel secondo trimestre di quest’anno e iniziare la fornitura di gas in Turchia entro dicembre 2016”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

ExxonMobil scopre nuove riserve di petrolio

Il quinto progetto nel blocco Stabroek condotto dalla compagnia ExxonMobil, prende di mira i tre grandi giacimenti di Uaru, Mako e Snoek. Il pozzo Snoek-1...

Petrobras conclude la vendita dei giacimenti di Ceará

La compagnia petrolifera statale Petrobras, ha affermato in un comunicato di aver concluso la vendita di tutte le sue partecipazioni nei giacimenti onshore di...

Talos Energy e Pemex lavorano a un piano per sviluppare il campo offshore di Zama

La compagnia petrolifera statunitense Talos Energy ha riferito in un rapporto alla Security Exchange Commission che sta lavorando fianco a fianco con Pemex per...

Pemex aiuterà a spegnere l’incendio del serbatoio di stoccaggio di petrolio a Cuba

Per ordine del Presidente del Messico, il personale specializzato della compagnia Pemex si è recato a Cuba per aiutare a estinguere l'incendio causato venerdì...