venerdì, Aprile 23, 2021

PER IL NUOVO GOVERNO ITALIANO IL GASDOTTO TAP “E’ UN’OPERA INUTILE”

Must read

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

Il gasdotto Trans-Adriatic-Pipeline (TAP), ultima porzione del South Gas Corridor, sistema di condotte che dovrebbe portare il gas estratto in Azerbaijan fino alle coste della Puglia (passando per Turchia, Grecia e Albania) “è un’opera inutile” e l’Italia “rivedrà il suo coinvolgimento nel progetto”.

Ad esprimersi con giudizi così netti – secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Reuters – è stato Sergio Costa, ex generale dei Carabinieri impegnato nella lotta alla ‘terra dei fuochi’ e fresco Ministro dell’Ambiente del nuovo Governo a guida Lega-Movimento 5 Stelle.

L’opera, promossa dalla società TAP AG – partecipata da BP (20%), SOCAR (20%), Snam (20%), Fluxys (19%), Enagás (16%), e Axpo (5%) – sarebbe ormai completata al 70%, anche se manca ancora proprio il tratto offshore che dovrebbe collegare le coste dell’Albania con quelle della Puglia, e costituisce uno dei pilastri della politica di sicurezza energetica dell’Unione Europea, consentendo di allentare la dipendenza delle forniture di gas russo.

Ma Costa ha dichiarato che “considerando la politica energetica di questo Governo, e la domanda di gas in calo, il progetto del TAP oggi appare inutile”, anche se ha poi aggiunto che ogni decisione a riguardo dovrà essere presa in accordo con gli altri Ministri competenti.

In realtà, secondo diverse analisi internazionali, citate anche da Snam in un suo recente report, la domanda di gas a livello globale è destinata a crescere ad un tasso medio annuo compreso tra il1,6% e il 2,2% da qui al 2030.

Inoltre – sottolinea la Reuters – un’eventuale passo indietro da parte dell’Italia potrebbe creare tensioni con i promotori del progetto, che ha un valore complessivo di oltre 4,5 miliardi di euro.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...