venerdì, Aprile 23, 2021

PER LA CINA IMPORTAZIONI DI GAS A LIVELLI RECORD (+31,9%) NEL 2018

Must read

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...

Il 2018 è stato un anno record per le importazioni di gas naturale della Cina, che sono aumentate del 31,9% rispetto al 2017 arrivando a quota 90,4 milioni di tonnellate, il valore più alto mai raggiunto secondo quanto riferito da diverse fonti ufficiali alla testata China Daily.

In base ad una serie di studi, nel periodo compreso tra il 2013 e il 2017 l’import cinese di gas è aumentato del 250%, mentre solo nel 2017 le importazioni erano cresciute del 26,9% su base annua arrivando a 68,57 milioni di tonnellate.

Un incremento così rapido e sostanzioso è dovuto, secondo gli analisti, dall’aumento dell’import di GNL (gas naturale liquefatto), che arriva in Cina principalmente dall’Australia, dall’Oman e dai paesi ASEAN (associazione dei Paesi del Sud Est Asiatico), mentre le forniture via gasdotto partono in gran parte da Turkmenistan e Kazakhstan.

Il gas liquefatto è diventato ormai un elemento fondamentale nella strategia energetica di Pechino: alla fine del 2018 erano operativi nel territorio della Repubblica Popolare 19 terminal per l’import di GNL, strutture che sono diventate sempre più efficienti e che presto verranno affiancate da nuovi impianti, costruiti dal numero di operatori in costante crescita che si affaccia in questo settore.

Cina e India sono i Paesi che hanno aumentato di più le importazioni di gas naturale negli ultimi anni: nel 2017 la Cina ha superato la Corea del Sud diventato il secondo importatore mondiale di GNL, dietro il Giappone. Ma quest’anno sarebbe pronta a prendersi la prima posizione, come ha confermato a China Daily Keisuke Sadamori, general manager del dipartimento Energy Market and Security della IEA (International Energy Agency): “La produzione interna cinese non è in grado di soddisfare la crescente domanda del Paese, quindi nel 2019 la Cina diventerà il rimo importatore mondiale di gas naturale. Nel 2023, secondo le stime, la Cina importerà 171 miliardi di metri cubi di metri cubi di gas naturale, la maggior parte dei quali sotto forma di GNL”.

La domanda interna, d’altra parte, è anch’essa in costante crescita: secondo un report diffuso dal Sinopec Economics & Development Research Institute, il consumo di gas naturale della Cina nel 2018 è stato pari a 277 miliardi di metri cubi, con una incremento del 17% (pari a 40 miliardi di metri cubi) rispetto all’anno precedente.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...

Petrobras cerca operatori internazionali per assegnare la gestione del terminal di rigassificazione Bahia LNG

Procede il processo avviato dalla corporation petrolifera statale brasiliana Petrobras per affidare la gestione del terminal di rigassificazione offshore Bahia LNG. La procedura, partita nella...