venerdì, Aprile 23, 2021

MARRAFFA COMPLETA UN TRASPORTO DAVVERO, DAVVERO ECCEZIONALE

Must read

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...

9 mesi di progetto per trasportare un condensatore carbammato di 420 t da Terno d’Isola, dove ha sede l’azienda che lo ha costruito, FBM Hudson Italiana, al porto fluviale di Mantova, da dove poi raggiungerà Marghera e quindi la destinazione finale, Asia. Questi i numeri del trasporto “davvero, davvero” eccezionale che si è concluso settimana scorsa sulle strade di Lombardia e che ha visto Marraffa in prima fila nella sua realizzazione.

I tecnici dell’azienda tarantina hanno vagliato tutti i possibili percorsi e alla fine hanno optato per uno lungo 189 km complessivi. All’opera, durante il mega trasporto che è partito il 20 dicembre per giungere a Mantova l’11 gennaio, circa 25 persone tra tecnici, staff e personale operativo per portare a termine, fa sapere Marraffa, uno dei trasporti eccezionali più grandi che abbia percorso le strade italiane.

Il convoglio era lungo complessivamente 75 metri e pesava circa 600 tonnellate. Cuore di esso due rimorchi semoventi composti da unità SPMT da 20 assi ciascuno. Nei tratti più difficili o delicati in termini di manovre agli SMPT è stata affiancata una motrice eccezionale 8×6.

https://www.facebook.com/hudson1941/videos/276883506342624/

Il convoglio era lungo complessivamente 75 metri e pesava circa 600 tonnellate. Cuore di esso due rimorchi semoventi composti da unità SPMT  da 20 assi ciascuno. Nei tratti più difficili o delicati in termini di manovre agli SMPT è stata affiancata una motrice eccezionale 8×6.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...

Petrobras cerca operatori internazionali per assegnare la gestione del terminal di rigassificazione Bahia LNG

Procede il processo avviato dalla corporation petrolifera statale brasiliana Petrobras per affidare la gestione del terminal di rigassificazione offshore Bahia LNG. La procedura, partita nella...