giovedì, Maggio 13, 2021

PER MAIRE TECNIMONT UN NUOVO CONTRATTO IN RUSSIA DA 215 MILIONI

Must read

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Tecnimont e Tecnimont Russia, controllate del gruppo italiano Maire Tecnimont, si sono aggiudicate da parte di JSC Gazprom Neft un contratto EPCm (Engineering, Procurement, e Construction management) per l’esecuzione del progetto “Delayed Coking Unit” (DCU), all’interno della raffineria di Omsk, nella Federazione Russa, uno degli impianti più avanzati e grandi del mondo con una capacità complessiva di trattamento del greggio di circa 21,3 tonnellate all’anno.

Il contratto – spiega la stessa Maire Tecnimont in una nota – è su base lump sum per quanto riguarda le attività di Engineering e Procurement, e su base rimborsabile per i servizi di Construction management e il suo valore complessivo ammonta a 215 milioni di dollari su base multivaluta.

Lo scopo del progetto comprende l’implementazione di un nuovo complesso di delayed coking con una capacità di 2 milioni di tonnellate all’anno (34.500 barili al giorno), che verrà eseguita all’interno della raffineria di Omsk e sarà principalmente finalizzata ad espandere la sua capacità per quanto riguarda la conversione di residui pesanti, nonché ad ottimizzare la produzione di distillati e produrre coke di grado anodico. Una parte rilevante dello scopo del lavoro sarà eseguita da Tecnimont Russia dal centro operativo di Mosca, dove il gruppo Maire Tecnimont può già contare su più di 150 persone coinvolte sugli altri progetti russi in corso.

Il completamento del progetto è previsto entro 29 mesi dalla data di firma, una tempistica resa possibile grazie alla disponibilità della maggior parte dei Long Lead Items (forniture che richiedono tempi lunghi di consegna), che sono stati già acquistati, resi disponibili e installati in cantiere.

Pierroberto Folgiero, Amministratore Delegato di Maire Tecnimont, ha commentato: “Dopo le nostre recenti aggiudicazioni nel segmento della raffinazione, questo contratto ci permette di consolidare la leadership del Gruppo nella tecnologia di processo del Delayed Coking, e di rafforzare una collaborazione strategica con un cliente importante come JSC Gazprom Neft. Questo grande risultato conferma ulteriormente la nostra presenza già importante nella Federazione Russa e l’affidabilità della nostra strategia technology-driven.”

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Perù: riprende la produzione di petrolio nella zona settentrionale

Il Blocco 67, situato nella località di Loreto, ha ripreso le sue attività dopo un anno di paralisi a causa dei bassi prezzi del...