venerdì, Aprile 23, 2021

SAIPEM: NEL 2017 PERDITA (IN CALO) A 328 MILIONI DI EURO

Must read

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

Saipem ha reso noti i risultati dell’esercizio 2017, che rivelano una pesante perdita anche se in calo rispetto al rosso di oltre 2 miliardi registrato nel 2016, e nel frattempo ha deciso di impugnare in sede giudiziaria le recente delibera della Consob, in cui la Commissione Nazionale per le Società e la Borsa ha riscontrato una serie di irregolarità nella compilazione del bilancio 2016 del contractor italiano.

Il 2017 si è concluso per Saipem con una perdita di 328 milioni di euro, dato in diminuzione rispetto agli oltre 2 miliardi di euro di perdita accusata nel 2016, ma comunque rilevante e affetto – spiega la società di San Donato Milanese in una nota – da una serie di special items, tra cui svalutazione di asset per 252 milioni di euro (piattaforme semisommergibili, impianti di trivellazione offshore che avranno impegni scarsi o nulli nell’anno in corso), oneri derivanti dalla definizione di controversie tributarie per 79 milioni di euro e oneri da riorganizzazione netti per 43 milioni di euro. In ragione di tali valutazioni, il risultato netto adjusted segna invece un utile di 46 milioni di euro (226 milioni di euro nel 2016).

Lo scorso anno è calato anche il fatturato globale dell’azienda italiana, da 9,9 miliardi a 8,9 miliardi di euro, così come è diminuito l’ammontare complessivo di nuovi ordini ottenuti durante l’esercizio, pari a 7,3 miliardi rispetto a 8,3 miliardi nel 2016.

Trend negativo anche per i risultati operativi, con l’EBITDA sceso da 909 milioni a 862 milioni di euro e l’EBITDA adjusted passato da 1,2 miliardi a 964 milioni di euro principalmente a causa – spiega Saipem – dei minori impegni contrattuali della flotta della divisione Offshore Drilling, della riduzione dei volumi della business unit E&C Offshore e degli effetti negativi generati dall’arbitrato LPG (con Sonatrach; ndr) sulla divisione E&C Onshore.

Per quanto riguarda le prospettive per l’anno in corso, Saipem stima un fatturato complessivo di 8 miliardi di euro circa, quindi in ulteriore calo rispetto al dato del 2017, e un EBITDA margin oltre il 10%.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...