sabato, Luglio 2, 2022

GIA’ INSTALLATO NEL MAR NERO IL 50% DELLE CONDOTTE DEL GASDOTTO TURKSTREAM

Must read

Oltre 5.000 visitatori per Pipeline & Gas Expo e Hydrogen Expo

Chiudono i battenti tra la soddisfazione generale la seconda edizione del PIPELINE & GAS EXPO (PGE), la mostra-convegno interamente dedicata ai settori del “Mid-Stream”...

Sonatrach e Sinopec collaborano per la perforazione di nuovi pozzi petroliferi

La compagnia degli idrocarburi di stato algerina, Sonatrach, ha firmato un contratto per lo sviluppo di un giacimento petrolifero nell'estremo sud-est del Paese con...

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

E’ arrivata a metà la costruzione della sezione offshore del gasdotto TurkStream, l’infrastruttura in fase di realizzazione da Gazprom per collegare la Russia con la Turchia e l’Europa Meridionale.

La nave posatubi Pioneering Spirit, della compagnia svizzera Allseas ha infatti già posato sul fondo del Mar Nero 930 Km di condotte disposte su due diverse linee parallele: 706 Km della prima e 224 Km della seconda.

La posa del gasdotto era iniziata nel maggio 2017 con la Audacia, altra unità posatubi di Allseas, che poi nel mese successivo aveva lasciato il posto alla Pioneering Spirit, che ha lavorato continuativamente da quel momento fino ad oggi.

Il TurkStream, nella sua sezione offshore attraverso il Mar Nero, sarà costituto da due linee parallele di condotte, entrambe lunghe 930 Km, per una lunghezza complessiva di tubazioni pari a 1.860 Km, con un diametro di 81 centimetri e una capacità annua complessiva di 15,75 miliardi di metri cubi. La prima linea porterà il gas di origine russa sul mercato turco, mentre la seconda raggiungerà il confine tra Turchia ed Europa per rifornire i mercati di destinazione del Vecchio Continente, costituendo – almeno nelle intenzioni dei promotori – un canale di rifornimento più sicuro e affidabile rispetto a quelli attuali che passano attraverso l’Ucraina.

In linea con il cronoprogramma dell’opera, il first gas dovrebbe percorrere il TurkStream entro la fine del 2019.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Oltre 5.000 visitatori per Pipeline & Gas Expo e Hydrogen Expo

Chiudono i battenti tra la soddisfazione generale la seconda edizione del PIPELINE & GAS EXPO (PGE), la mostra-convegno interamente dedicata ai settori del “Mid-Stream”...

Sonatrach e Sinopec collaborano per la perforazione di nuovi pozzi petroliferi

La compagnia degli idrocarburi di stato algerina, Sonatrach, ha firmato un contratto per lo sviluppo di un giacimento petrolifero nell'estremo sud-est del Paese con...

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...