martedì, Settembre 28, 2021

GIA’ INSTALLATO NEL MAR NERO IL 50% DELLE CONDOTTE DEL GASDOTTO TURKSTREAM

Must read

Exxon pagherà 340.000 euro per gli audit del progetto Payara

In base alla licenza di produzione del campo di Payara, Esso Exploration de Petróleo e Production Guyana Limited pagheranno alla Guyana 340.000 euro all'anno...

PDVSA autorizza l’importazione di sei milioni di litri di gasolio dalla Colombia

Un anno e mezzo fa la Camera petrolifera del Venezuela aveva chiesto l'importazione di combustibili dalla Colombia, ma la richiesta ha trovato molti ostacoli,...

ConocoPhillips acquisterà l’asset di Shell Permian per 8 miliardi di euro

La compagnia ConocoPhillips ha acquistato le attività nel bacino del Permiano di Royal Dutch Shell per un valore di 8 miliardi di euro, consolidando...

Perù. Petrotal annuncia una produzione record di 15.000 barili al giorno

La società statunitense Petrotal che gestisce il Blocco 95 in provincia peruviana di Loreto ha annunciato di aver raggiunto un record di produzione nel...

E’ arrivata a metà la costruzione della sezione offshore del gasdotto TurkStream, l’infrastruttura in fase di realizzazione da Gazprom per collegare la Russia con la Turchia e l’Europa Meridionale.

La nave posatubi Pioneering Spirit, della compagnia svizzera Allseas ha infatti già posato sul fondo del Mar Nero 930 Km di condotte disposte su due diverse linee parallele: 706 Km della prima e 224 Km della seconda.

La posa del gasdotto era iniziata nel maggio 2017 con la Audacia, altra unità posatubi di Allseas, che poi nel mese successivo aveva lasciato il posto alla Pioneering Spirit, che ha lavorato continuativamente da quel momento fino ad oggi.

Il TurkStream, nella sua sezione offshore attraverso il Mar Nero, sarà costituto da due linee parallele di condotte, entrambe lunghe 930 Km, per una lunghezza complessiva di tubazioni pari a 1.860 Km, con un diametro di 81 centimetri e una capacità annua complessiva di 15,75 miliardi di metri cubi. La prima linea porterà il gas di origine russa sul mercato turco, mentre la seconda raggiungerà il confine tra Turchia ed Europa per rifornire i mercati di destinazione del Vecchio Continente, costituendo – almeno nelle intenzioni dei promotori – un canale di rifornimento più sicuro e affidabile rispetto a quelli attuali che passano attraverso l’Ucraina.

In linea con il cronoprogramma dell’opera, il first gas dovrebbe percorrere il TurkStream entro la fine del 2019.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Exxon pagherà 340.000 euro per gli audit del progetto Payara

In base alla licenza di produzione del campo di Payara, Esso Exploration de Petróleo e Production Guyana Limited pagheranno alla Guyana 340.000 euro all'anno...

PDVSA autorizza l’importazione di sei milioni di litri di gasolio dalla Colombia

Un anno e mezzo fa la Camera petrolifera del Venezuela aveva chiesto l'importazione di combustibili dalla Colombia, ma la richiesta ha trovato molti ostacoli,...

ConocoPhillips acquisterà l’asset di Shell Permian per 8 miliardi di euro

La compagnia ConocoPhillips ha acquistato le attività nel bacino del Permiano di Royal Dutch Shell per un valore di 8 miliardi di euro, consolidando...

Perù. Petrotal annuncia una produzione record di 15.000 barili al giorno

La società statunitense Petrotal che gestisce il Blocco 95 in provincia peruviana di Loreto ha annunciato di aver raggiunto un record di produzione nel...

Il Parlamento apre un’inchiesta sui contratti di fornitura di Petroecuador

Petroecuador ha riferito alla stampa che per soddisfare la richiesta del presidente della Commissione di Vigilanza dell'Assemblea Nazionale sulle operazioni della gestione del commercio...