venerdì, Aprile 23, 2021

GIA’ INSTALLATO NEL MAR NERO IL 50% DELLE CONDOTTE DEL GASDOTTO TURKSTREAM

Must read

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

E’ arrivata a metà la costruzione della sezione offshore del gasdotto TurkStream, l’infrastruttura in fase di realizzazione da Gazprom per collegare la Russia con la Turchia e l’Europa Meridionale.

La nave posatubi Pioneering Spirit, della compagnia svizzera Allseas ha infatti già posato sul fondo del Mar Nero 930 Km di condotte disposte su due diverse linee parallele: 706 Km della prima e 224 Km della seconda.

La posa del gasdotto era iniziata nel maggio 2017 con la Audacia, altra unità posatubi di Allseas, che poi nel mese successivo aveva lasciato il posto alla Pioneering Spirit, che ha lavorato continuativamente da quel momento fino ad oggi.

Il TurkStream, nella sua sezione offshore attraverso il Mar Nero, sarà costituto da due linee parallele di condotte, entrambe lunghe 930 Km, per una lunghezza complessiva di tubazioni pari a 1.860 Km, con un diametro di 81 centimetri e una capacità annua complessiva di 15,75 miliardi di metri cubi. La prima linea porterà il gas di origine russa sul mercato turco, mentre la seconda raggiungerà il confine tra Turchia ed Europa per rifornire i mercati di destinazione del Vecchio Continente, costituendo – almeno nelle intenzioni dei promotori – un canale di rifornimento più sicuro e affidabile rispetto a quelli attuali che passano attraverso l’Ucraina.

In linea con il cronoprogramma dell’opera, il first gas dovrebbe percorrere il TurkStream entro la fine del 2019.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...