martedì, Dicembre 6, 2022

GIA’ INSTALLATO NEL MAR NERO IL 50% DELLE CONDOTTE DEL GASDOTTO TURKSTREAM

Must read

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

YPFB investirà nel sistema di distribuzione del gas naturale di Puerto Suárez

Il sistema di distribuzione del gas naturale andrà a beneficio del settore produttivo della città di Puerto Suárez (al confine con il Brasile), poiché...

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

E’ arrivata a metà la costruzione della sezione offshore del gasdotto TurkStream, l’infrastruttura in fase di realizzazione da Gazprom per collegare la Russia con la Turchia e l’Europa Meridionale.

La nave posatubi Pioneering Spirit, della compagnia svizzera Allseas ha infatti già posato sul fondo del Mar Nero 930 Km di condotte disposte su due diverse linee parallele: 706 Km della prima e 224 Km della seconda.

La posa del gasdotto era iniziata nel maggio 2017 con la Audacia, altra unità posatubi di Allseas, che poi nel mese successivo aveva lasciato il posto alla Pioneering Spirit, che ha lavorato continuativamente da quel momento fino ad oggi.

Il TurkStream, nella sua sezione offshore attraverso il Mar Nero, sarà costituto da due linee parallele di condotte, entrambe lunghe 930 Km, per una lunghezza complessiva di tubazioni pari a 1.860 Km, con un diametro di 81 centimetri e una capacità annua complessiva di 15,75 miliardi di metri cubi. La prima linea porterà il gas di origine russa sul mercato turco, mentre la seconda raggiungerà il confine tra Turchia ed Europa per rifornire i mercati di destinazione del Vecchio Continente, costituendo – almeno nelle intenzioni dei promotori – un canale di rifornimento più sicuro e affidabile rispetto a quelli attuali che passano attraverso l’Ucraina.

In linea con il cronoprogramma dell’opera, il first gas dovrebbe percorrere il TurkStream entro la fine del 2019.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

YPFB investirà nel sistema di distribuzione del gas naturale di Puerto Suárez

Il sistema di distribuzione del gas naturale andrà a beneficio del settore produttivo della città di Puerto Suárez (al confine con il Brasile), poiché...

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

ExxonMobil scopre nuove riserve di petrolio

Il quinto progetto nel blocco Stabroek condotto dalla compagnia ExxonMobil, prende di mira i tre grandi giacimenti di Uaru, Mako e Snoek. Il pozzo Snoek-1...