domenica, Agosto 1, 2021

SANZIONI USA: L’IRAN RICOMINCIA A STOCCARE PETROLIO A BORDO DELLE SUE PETROLIERE

Must read

TechnipFMC acquisisce TIOS AS

TechnipFMC ha recentemente comunicato di voler acquisire il restante 49% delle azioni di TIOS AS, la joint venture costituita nel 2018 in collaborazione con...

Saipem – conti in ribasso nel primo semestre 2021 e un piano strategico per guardare al futuro

I risultati del primo semestre 2021. Dopo aver chiuso il primo semestre 2021 con un risultato netto negativo di 779 milioni, attraverso le parole dell’AD...

Iveco fornirà a GLS 120 dei suoi nuovi camion S-WAY alimentati a gas naturale liquefatto

I nuovi camion della gamma S-WAY. Iveco ha recentemente presentato S-WAY, la nuova gamma di veicoli per il trasporto pesante on-road, in grado di offrire...

Eni collabora con BASF per sviluppare bio-propanolo avanzato dagli scarti industriali

Una nuova tecnologia per la filiera dei biocombustibili. La strategia di Eni di sostenere lo sviluppo della filiera dei biocombustibili di “generazione avanzata” continua e...

L’Iran sta tornando a stoccare petrolio greggio offshore, a bordo delle petroliere della flotta nazionale, controllata dalla compagnia pubblica NITC (National Iranian Tanker Co). Al momento il fenomeno non avrebbe assunto le medesime proporzioni di quando la misura fu adottata nel periodo di sanzioni 2012-2016, ma secondo i dati di Bloomberg questa tendenza è chiara, ed è diretta conseguenza delle nuove sanzioni americane annunciate nei mesi scorsi dal Presidente Donald Trump.

Il nuovo embargo sancito da Washington nei confronti di Teheran entrerà formalmente in vigore il prossimo novembre, ma – rivela Bloomberg – alcuni dei principali acquirenti di greggio iraniano come Francia e Corea del Sud stanno già riducendo le importazioni. Tutti i principali clienti di Teheran in media hanno acquistato meno petrolio iraniano ad agosto di quanto avevano fatto lo scorso aprile, prima che fossero annunciate le nuove sanzioni.

Per questo, secondo gli analisti citati dall’agenzia americana, è verosimile che lo stoccaggio a bordo delle navi della flotta nazionale di NICT torni ad aumentare: negli scorsi 20 giorni almeno 5 petroliere cariche di greggio sono rimaste ferme, ancorate al largo delle coste del Paese.

Questa contromisura alla riduzione della domanda potrebbe avere però un ulteriore effetto negativo per l’Iran: secondo Bloomberg, infatti, utilizzare le proprie petroliere per stoccare il greggio in eccesso ridurrebbe ulteriormente la capacità di export del paese, già limitata dal fatto che per gli armatori internazionali è oggi molto difficile poter trasportare carichi provenienti dell’Iran (sempre a causa delle sanzioni USA).

Per il trasporto del greggio ai clienti, quindi, la Repubblica Islamica può contare solo sulla flotta di Stato, la cui capacità si sta riducendo a causa dell’utilizzo delle tanker di NICT come depositi galleggianti.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

TechnipFMC acquisisce TIOS AS

TechnipFMC ha recentemente comunicato di voler acquisire il restante 49% delle azioni di TIOS AS, la joint venture costituita nel 2018 in collaborazione con...

Saipem – conti in ribasso nel primo semestre 2021 e un piano strategico per guardare al futuro

I risultati del primo semestre 2021. Dopo aver chiuso il primo semestre 2021 con un risultato netto negativo di 779 milioni, attraverso le parole dell’AD...

Iveco fornirà a GLS 120 dei suoi nuovi camion S-WAY alimentati a gas naturale liquefatto

I nuovi camion della gamma S-WAY. Iveco ha recentemente presentato S-WAY, la nuova gamma di veicoli per il trasporto pesante on-road, in grado di offrire...

Eni collabora con BASF per sviluppare bio-propanolo avanzato dagli scarti industriali

Una nuova tecnologia per la filiera dei biocombustibili. La strategia di Eni di sostenere lo sviluppo della filiera dei biocombustibili di “generazione avanzata” continua e...

TotalEnergies annuncia una nuova scoperta di petrolio nel Blocco 58 al largo delle coste del Suriname

A distanza di un anno dalle scoperte di Maka Central e Sapakara West-1, TotalEnergies e Apache Energy, sussidiaria di APA Corporation, hanno annunciato una...