venerdì, Aprile 23, 2021

SOCAR E BP SONO FIDUCIOSE: IL TAP SARA’ COMPLETATO ENTRO IL 2020, NEI TEMPI PREVISTI

Must read

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

Nonostante lo scetticismo manifestato da alcuni esponenti del Governo italiano riguardo al TAP (Trans Adriatic Pipeline), i vertici della azera Socar e della britannica BP, recentemente intervenuti

all’Atlantic Council di Washington, si sono dichiarati fiduciosi – secondo quanto riportato da S&P Global Platts – riguardo al fatto che la condotta, parte finale del Southern Gas Corridor verrà completata senza intoppi entro il 2020, nei tempi previsti.

Le due corporation sono le principali promotrici dell’infrastruttura, che trasporterà verso i mercati europei, attraverso la Turchia, il gas estratto dal giacimento Shah Deniz 2, in Azerbaijan.

Uno dei principali obbiettivi dell’opera, sostenuta dall’Unione Europea, è quello di consentire al Vecchio Continente di diversificare le proprie fonti di approvvigionamento di gas naturale, riducendo la dipendenza dalla Russia, che ad oggi resta il principali fornitore.

Emily Olson, Vicepresidente di BP con responsabilità per il Southern Gas Corridor, si è detta consapevole degli ostacoli relativi alla posizione del Governo italiano sul TAP, che dovrebbe trasportare in Italia 10 miliardi di metri cubi di gas all’anno. “Abbiamo ancora delle sfide da affrontare, per quanto riguarda l’Italia. E’ difficile, le questioni politiche sono complesse”. In ogni caso, Olson ha confermato di essere fiduciosa che la condotta raggiungerà la costa della Puglia, il suo punto di arrivo, nei tempi previsti.

A precisa richiesta, Olson ha poi dichiaro che al momento non esiste la necessità di pensare a un piano B, nell’eventualità che il Governo di Roma dovesse mettere un veto sull’approdo del TAP in territorio italiano, sostenendo che l’obbiettivo è convincere l’esecutivo ad apprezzare l’opera.

“E’ importante ricordare che questo è un nuovo Governo. Dobbiamo continuare a lavorare con loro per chiarire tutti i dubbi e trovare un punto d’incontro”.

Anche il Vicepresidente di Socar Vitaliy Baylarbayov si è dichiarato fiducioso riguardo il completamento del TAP nei tempi previsti, ed è stato ancora più netto nell’assicurare che “non esiste, e non ci dovrà essere, alcun piano B” per il tratto finale della condotta. “L’Italia – ha aggiunto Baylarbayov – ha bisogno di questo gas. I consumi interno sono in costante crescita, così come in aumento sono i volumi importati”.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...