giovedì, Maggio 19, 2022

SANZIONI USA: TOTAL NON OTTIENE ESENZIONI E LASCIA UFFICIALMENTE L’IRAN

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Alla fine non c’è stato nulla da fare: Total ha lavorato a livello internazionale per trovare una soluzione che le consentisse di continuare a lavorare in Iran, nonostante le nuove sanzioni americane che presto entreranno in vigore nei confronti di Teheran, ma questi sforzi hanno evidentemente avuto esito negativo.

Come riportato nelle scorse ore dalla TV di Stato iraniana, che cita il ministro del Petrolio iraniano, Bijan Zanganeh, la corporation energetica francese ha infatti ufficializzato la decisione di ritirarsi dall’Iran, abbandonando il progetto di sviluppo di un mega giacimento di gas naturale, che sarebbe stato uno dei più grandi mai realizzati nella Repubblica Islamica.

Total aveva già preannunciato nei mesi scorsi di stare valutando l’opportunità di abbandonare il Paese, in conseguenza delle nuove sanzioni firmate dal presidente USA Donald Trump l’8 maggio scorso, rinunciando così a sviluppare, in partnership con la cinese Petrochina, il South Pars 11 (SP11), giacimento di gas che avrebbe dovuto soddisfare il consumo interno iraniano.

Il nuovo regime sanzionatorio introdotto da Washington entrerà in vigore concretamente il 4 novembre 2018, colpendo direttamente enti o aziende iraniane. Il timore di Total, come di molti altri soggetti economici internazionali, è però quello di incorrere nelle cosiddette sanzioni indirette: alle società americane sarà infatti vietato intrattenere rapporti commerciali e di business con aziende attive a vario titolo in Iran o in rapporti con partner iraniani. E al momento una larghissima parte dei progetti internazionali della major francese sono finanziati proprio da banche a stelle e strisce: un sostegno che ovviamente Total non può permettersi di perdere, insieme ai molti contratti detenuti negli Stati Uniti. Motivo per cui la società parigina aveva tentato di trovare una sorta di escamotage, o comunque una qualche forma di esenzione delle sanzioni per questo specifico progetto energetico. Percorso che tuttavia pare non aver avuto sbocchi concreti, visto che Total alla fine ha deciso di abbandonare lo sviluppo del giacimento South Pars 11 e di lasciare l’Iran.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...