lunedì, Maggio 27, 2024

SECONDO BP LA DOMANDA DI PETROLIO NON TORNERA’ PIÙ A LIVELLI PRE-COVID

Must read

Saipem ottiene un nuovo contratto in Angola

In base ad un accordo firmato con Azule Energy Angola, Saipem ha ottenuto un contratto per lo sviluppo del progetto Ndungu Field, che fa...

Fabio Belli è vicepresidente esecutivo e COO di Kerry Project Logistics

Nuovo incarico di assoluto prestigio per Fabio Belli, dopo la conclusione dell’esperienza in Fagioli come CEO della società. L’approdo di oggi è in Kerry Project Logistics...

Scambio di asset tra Equinor e Petoro

Equinor e Petoro, società interamente controllata dal governo norvegese, hanno stipulato un accordo per lo scambio di asset a valore neutro nell'area di Haltenbanken. “Abbiamo...

Rosetti Marino ottiene un contratto FEED da INEOS E&P

L'azienda ravennate Rosetti Marino, che si occupa di fornire servizi di ingegneria e costruzione a vari settori industriali, si è aggiudicata dalla danese INEOS...

Il lungo periodo di crescita della domanda globale di petrolio è definitivamente giunto al termine e, dopo l’epidemia di coronavirus, il consumo di greggio non tornerà mai più ai livelli pre-crisi.

A sostenerlo, in un report diffuso ieri, è BP: si tratta, secondo Bloomberg, della prima oil major a parlare apertamente dell’imminente fine dell’era del petrolio.

Mentre i manager delle grandi corporation e i membri dell’OPEC sostengono che invece il settore potrà godere ancora di decenni di sviluppo, rompendo una sorta di ortodossia da cui è permeata l’industria – fa notare Bloomberg – l’azienda britannica ha formulato pubblicamente previsioni di segno opposto, che vedono un inesorabile declino del petrolio, il cui picco, in termini di domanda globale, sarebbe ormai alle spalle.

Ed è per questo motivo che BP è la major petrolifera che è già fatto più passi degli altri verso un ridimensionamento del proprio business tradizionale a favore di nuove fonti: il CEO Bernard Looney nelle scorse settimana ha annunciato che la quota delle attività di BP legata agli idrocarburi scenderà sotto al 40% nei prossimi 10 anni e che l’azienda investirà 5 miliardi all’anno per costruire uno dei più grandi portafogli al mondo in ambito rinnovabili.

Una visione coerente con le stime dell’azienda, secondo cui – anche per effetto della pandemia di coronavirus e delle misure di lockdown – il consumo mondiale di petrolio si dimezzerà entro il 2050 nello scenario più ‘conservativo’, mentre calerà dell’80% nello scenario più estremo.

Ovviamente, anche se nessuno si è spinto fin dove è arrivata BP con dichiarazioni pubbliche sulla fine dell’era del petrolio, molte altre major si stanno muovendo attivamente per ridurre l’esposizione negli idrocarburi e rafforzare la propria presenza in settori legati alla transizione energetica, tra cui per esempio Shell e Total.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Saipem ottiene un nuovo contratto in Angola

In base ad un accordo firmato con Azule Energy Angola, Saipem ha ottenuto un contratto per lo sviluppo del progetto Ndungu Field, che fa...

Fabio Belli è vicepresidente esecutivo e COO di Kerry Project Logistics

Nuovo incarico di assoluto prestigio per Fabio Belli, dopo la conclusione dell’esperienza in Fagioli come CEO della società. L’approdo di oggi è in Kerry Project Logistics...

Scambio di asset tra Equinor e Petoro

Equinor e Petoro, società interamente controllata dal governo norvegese, hanno stipulato un accordo per lo scambio di asset a valore neutro nell'area di Haltenbanken. “Abbiamo...

Rosetti Marino ottiene un contratto FEED da INEOS E&P

L'azienda ravennate Rosetti Marino, che si occupa di fornire servizi di ingegneria e costruzione a vari settori industriali, si è aggiudicata dalla danese INEOS...

BP concede una boccata d’aria ai bilanci azeri

BP, colosso petrolifero britannico, ha annunciato di aver avviato la produzione di petrolio e gas nella nuova piattaforma petrolifera costruita nel giacimento Azeri-Chirag-Deepwater Gunashli...