sabato, Giugno 22, 2024

Shell venderà la sua controllata nigeriana SPCD ad una joint venture

Must read

Equinor svilupperà due impianti di stoccaggio di CO2 nel Mare del Nord

La Norvegese Equinor si è aggiudicata due contratti per lo sviluppo di altrettanti impianti di stoccaggio di CO2 nel Mare del Nord. Si prevede...

TotalEnergies e NNPCL espandono le perforazioni in Nigeria

Il colosso francese TotalEnergies e la Nigerian National Petroleum Corporation Ltd, società petrolifera nigeriana, detengono la partecipazione della licenza OML 58 con un rapporto...

Shell acquisirà Pavilion Energy

Shell Plc, tramite la sua sussidiaria Shell Eastern Trading Pte. Ltd, ha annunciato l'intenzione di acquisire la società energetica Pavilion Energy, di Singapore, controllata...

Vallourec fornirà i suoi prodotti ad Equinor

Vallourec, azienda francese leader nella soluzione di prodotti tubolari di alto livello per le industrie energetiche e dell'oil&gas ha firmato un accordo della durata...

Tramite un accordo che dovrà essere approvato dal Governo Federale nigeriano, Shell ha venduto la Shell Petroleum Development Company of Nigeria Limited (SPDC), sua controllata onshore che opera sul delta del Niger, alla joint venture Renaissance.

Renaissance è un consorzio di cinque società, di cui quattro operanti nel campo di esplorazione e produzione nigeriane e un gruppo energetico internazionale.

Shell, nonostante la vendita il cui scopo è quello di concentrare i propri investimenti sui lavori nelle acque profonde e nell’ambito del gas integrato, manterrà un ruolo di supporto nella gestione delle strutture di SPDC che forniscono una parte del gas alla Nigeria.

Questo accordo segna un’importante pietra miliare per Shell in Nigeria, in linea con la nostra intenzione precedentemente annunciata di abbandonare la produzione petrolifera onshore nel delta del Niger, semplificando il nostro portafoglio e concentrando i futuri investimenti disciplinati in Nigeria sulle nostre posizioni in acque profonde e riguardo al gas integrato.È un momento significativo per l’SPDC, le cui persone l’hanno trasformata in un’azienda di alta qualità nel corso di molti anni. Ora, dopo decenni come pioniere nel settore energetico della Nigeria, l’SPDC passerà al prossimo capitolo sotto la proprietà di un consorzio esperto e ambizioso guidato dalla Nigeria.” ha commentato Zoë Yujnovich , direttrice di Shell Integrated Gas and Upstream, che continua:

Shell vede un futuro brillante in Nigeria con prospettive di investimento positive per il suo settore energetico. Continueremo a sostenere il crescente fabbisogno energetico del Paese e le ambizioni di esportazione in aree in linea con la nostra strategia

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Equinor svilupperà due impianti di stoccaggio di CO2 nel Mare del Nord

La Norvegese Equinor si è aggiudicata due contratti per lo sviluppo di altrettanti impianti di stoccaggio di CO2 nel Mare del Nord. Si prevede...

TotalEnergies e NNPCL espandono le perforazioni in Nigeria

Il colosso francese TotalEnergies e la Nigerian National Petroleum Corporation Ltd, società petrolifera nigeriana, detengono la partecipazione della licenza OML 58 con un rapporto...

Shell acquisirà Pavilion Energy

Shell Plc, tramite la sua sussidiaria Shell Eastern Trading Pte. Ltd, ha annunciato l'intenzione di acquisire la società energetica Pavilion Energy, di Singapore, controllata...

Vallourec fornirà i suoi prodotti ad Equinor

Vallourec, azienda francese leader nella soluzione di prodotti tubolari di alto livello per le industrie energetiche e dell'oil&gas ha firmato un accordo della durata...

Snam soddisfatta dell’indipendenza dal gas russo

Stefano Venier, CEO di Snam, ha partecipato venerdì 14 giugno ad un incontro organizzato dal  MIB Trieste School of Management, di cui egli stesso...