giovedì, Febbraio 29, 2024

Shell venderà la sua controllata nigeriana SPCD ad una joint venture

Must read

Il misuratore multifase di Pietro Fiorentini per un giacimento in Uganda

Pietro Fiorentini, società specializzata nella progettazione e realizzazione di un'ampia gamma di soluzioni tecnologicamente avanzate per la filiera del gas naturale, fornirà 22 misuratori...

Festa di Eni per il primo carico di GNL dal Congo

È in produzione, in Congo, il primo carico di Gas Naturale Liquefatto appartenente al progetto Congo LNG di Eni. A festeggiare il primo carico sono...

Accordo tra Equinor e Deepak Fertilizers per fornitura di GNL

La norvegese Equinor ha firmato un accordo della durata di 15 anni con Deepak Fertilizers, società petrolchimica indiana, per la fornitura di gas naturale...

Cronos-2 estende le partecipazioni di Eni nel Blocco 6

Con un comunicato stampa Eni ha oggi annunciato che la trivellazione effettuata nel pozzo Cronos-2, al largo di Cipro, ha portato i risultati sperati....

Tramite un accordo che dovrà essere approvato dal Governo Federale nigeriano, Shell ha venduto la Shell Petroleum Development Company of Nigeria Limited (SPDC), sua controllata onshore che opera sul delta del Niger, alla joint venture Renaissance.

Renaissance è un consorzio di cinque società, di cui quattro operanti nel campo di esplorazione e produzione nigeriane e un gruppo energetico internazionale.

Shell, nonostante la vendita il cui scopo è quello di concentrare i propri investimenti sui lavori nelle acque profonde e nell’ambito del gas integrato, manterrà un ruolo di supporto nella gestione delle strutture di SPDC che forniscono una parte del gas alla Nigeria.

Questo accordo segna un’importante pietra miliare per Shell in Nigeria, in linea con la nostra intenzione precedentemente annunciata di abbandonare la produzione petrolifera onshore nel delta del Niger, semplificando il nostro portafoglio e concentrando i futuri investimenti disciplinati in Nigeria sulle nostre posizioni in acque profonde e riguardo al gas integrato.È un momento significativo per l’SPDC, le cui persone l’hanno trasformata in un’azienda di alta qualità nel corso di molti anni. Ora, dopo decenni come pioniere nel settore energetico della Nigeria, l’SPDC passerà al prossimo capitolo sotto la proprietà di un consorzio esperto e ambizioso guidato dalla Nigeria.” ha commentato Zoë Yujnovich , direttrice di Shell Integrated Gas and Upstream, che continua:

Shell vede un futuro brillante in Nigeria con prospettive di investimento positive per il suo settore energetico. Continueremo a sostenere il crescente fabbisogno energetico del Paese e le ambizioni di esportazione in aree in linea con la nostra strategia

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il misuratore multifase di Pietro Fiorentini per un giacimento in Uganda

Pietro Fiorentini, società specializzata nella progettazione e realizzazione di un'ampia gamma di soluzioni tecnologicamente avanzate per la filiera del gas naturale, fornirà 22 misuratori...

Festa di Eni per il primo carico di GNL dal Congo

È in produzione, in Congo, il primo carico di Gas Naturale Liquefatto appartenente al progetto Congo LNG di Eni. A festeggiare il primo carico sono...

Accordo tra Equinor e Deepak Fertilizers per fornitura di GNL

La norvegese Equinor ha firmato un accordo della durata di 15 anni con Deepak Fertilizers, società petrolchimica indiana, per la fornitura di gas naturale...

Cronos-2 estende le partecipazioni di Eni nel Blocco 6

Con un comunicato stampa Eni ha oggi annunciato che la trivellazione effettuata nel pozzo Cronos-2, al largo di Cipro, ha portato i risultati sperati....

Uno studio di Shell ha rivelato che la domanda globale di GNL è destinata a salire

Secondo lo studio “GNL Outlook 2024” effettuato da Shell, la domanda globale di gas naturale liquefatto salirà notevolmente entro il 2040. Il fattore principale di...